cerca

Morire di meloni arcaici

Il lavoro nero si accompagna a una mentalità sbagliata, come dimostra la morte del bracciante Pasquale Fusco

4 Settembre 2019 alle 06:19

Morire di meloni arcaici

Braccianti vendemmiano in Franciacorta (foto LaPresse)

La cosa più ripugnante, secondo le prime risultanze, è che il suo contratto è stato regolarizzato su uno straccio di documento invalido soltanto dopo che era morto, dopo poche ore. Fino a poche ore prima c’era solo il nero. Poi lui ha visto tutto nero, c’era un caldo da non poter più vivere. Almeno se per campare devi tirar su meloni a mani nude sotto al sole, come in un mondo arcaico, come fosse dieci secoli fa. La cosa più terribile è che sua moglie, la moglie di Pasquale Fusco, bracciante in nero di 55 anni a Varcaturo, nel comune di Giugliano, padre di tre figli, ha detto, del nero: “Lasciateci in pace. Lo sfruttamento? Il lavoro nero? Sono cose che riguardano i carabinieri e i magistrati”. Chiusa in un mondo arcaico, di dieci secoli fa. Oppure no, ovvio che no: vivono in una “dignitosa palazzina” (la cronaca è di Rep.), avevano fatto qualche fortuna che poi è andata male, come i Malavoglia coi lupini. Non sono i “cafoni” di Fontamara. Anche se lui è morto di caldo e lavoro. Il mondo arcaico, fuorilegge, è un altro: è il mondo del lavoro e del sub-lavoro che con pretesa di modernità insistiamo a non vedere. Ora tornerà al governo un partito di vendifumo che ha turlupinato i lavoratori in nero col decreto “dignità” e col reddito di “cittadinanza”. Ora che li hanno ammansiti si torna a parlare di salario “minimo”. Che è il minimo. La legge sul caporalato c’era già. Ma non sono le parolone dette all’ombra che faranno uscire il lavoro dal mondo arcaico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    04 Settembre 2019 - 13:01

    Molto interessante. Tutti sapevano dello sfruttamento dei migranti meno gli ispettori del lavoro.

    Report

    Rispondi

Servizi