cerca

Sorrentino fu

Siamo passati da “Sorrentino, abbiamo un problema” a “My God, ce lo siamo persi”

25 Aprile 2018 alle 06:00

Sorrentino fu

Questa è una rubrica di servizio. Perché, quando ci sono le grandi catastrofi naturali, è giusto che tutta la stampa dia una mano a far sapere che fine hanno fatto i parenti. E niente, il giorno dopo il botto siamo passati da “Sorrentino, abbiamo un problema” a “My God, ce lo siamo persi”. Ma no panic, questo è un parziale aggiornamento meteo. Paolo Mereghetti sul Corriere: “Certo, a Sorrentino non interessava raccontare la storia politica di Berlusconi bensì la sua anima di ‘venditore di sogni’, ma bisogna dire che in questa prima parte di sogni e di anime ce ne sono davvero pochini”. Alessandra De Luca di Avvenire “Ed è proprio il mistero dell’uomo Berlusconi più che del politico, ad attirare Sorrentino. Un mistero che alla fine del primo film rimane e lascia perplessi”. Francesco Specchia per Libero: “In un momento di declino per il vecchio Silvio, quanto influirà l’esprit artistico di Sorrentino sul destino del centrodestra italiano? Ah, saperlo…”. Botta definitiva anche dal giornale che, implicitamente, aveva scritto la sceneggiatura. Federico Pontiggia per il Fatto: “Loro 1 denuncia fin troppo chiaramente il perché non abbia trovato posto a Cannes”. Chiudiamo con l’acrobatico Giovanni Robertini di Rolling Stone: “Alla fine resta la sensazione, per usare un po’ di slang alla Bagaglino, che Sorrentino ci abbia preso per il culo… mostrando alla spettatore ciò che non è più né sogno, né cinema, neppure pornografia, ma lunghe Instagram Stories che il nostro software sociopolitico non ha mai cancellato”. Ma coraggio, si può sempre sperare nel miracolo del film di ritorno. Un po’ come la Juve al Bernabeu.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    14 Maggio 2018 - 21:09

    Siate buoni. Vedetevi i film 1-2 che vi fate tre ore di coscienza contemplativa. Sorrentino se non esistesse avremmo dovuto inventarlo. Meno male che esiste così ci risparmiamo la fatica, anche perché non ne saremmo stati capaci. Etica e morale. Usi e costumi che non vorremmo cambiassero con la fretta che vediamo. Anche perché non cambiano ma deflagrano in una miseria umana che non vorremmo vedere come portroppo vediamo.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    25 Aprile 2018 - 10:10

    Alla fin fine il problema è che non c'era proprio niente da raccontare, perlomeno in rapporto alle montature del pecoronismo antiberlusconiano, senza coprirsi del ridicolo che ricopre i rincoglioniti ossessivi compulsivi che vagano per la stazione bofonchiando a me m'ha rovinato la guera.

    Report

    Rispondi

Servizi