cerca

Perché Ratzinger parla

C’è un filo rosso che lega tutti gli interventi di Benedetto XVI dopo la rinuncia: l’allarme per una Chiesa pronta a cedere allo spirito del tempo. La rivolta tedesca e i rischi concreti di uno scisma

19 Gennaio 2020 alle 06:01

Perché Ratzinger parla

Papa Benedetto XVI (foto LaPresse)

Che il vecchio Benedetto XVI lavori al lume d’una candela accesa nel monastero Mater Ecclesiae per destabilizzare il successore Francesco è una trama che risulterebbe banale anche per una delle tante produzioni cinematografiche sui due Papi oggi così di moda. Non sarebbe nel suo stile né, a quanto è dato sapere, lo pensa l’attuale Pontefice regnante, che deve far fronte a problemi ben più impellenti e seri che inalberarsi per le copertine di libri. Sarebbe quindi un buon e utile...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mtferrari

    19 Gennaio 2020 - 10:24

    "il Papa è il Papa a lui s'obbedisce" 30 anni fa il cardinal Ratzinger sapeva di questo disordine interno quindi per essere in accordo con se stesso non doveva - assolutamente - dimettersi.

    Report

    Rispondi

Servizi