cerca

Il gestaccio di Salvini e altre guerre

Il pericolo europeo di inciampare nelle radici cristiane

Il gesto del rosario vale come il gesto dell’ombrello, ma ha una storia più complessa e un vocabolario che viene da lontano. La confusione semantica tra l’abusata metafora (giovanpaolina) delle radici e la memoria

26 Maggio 2019 alle 06:00

Il  pericolo europeo di inciampare nelle radici cristiane

Matteo Salvini con il rosario in mano (foto LaPresse)

Il gesto del rosario, purissima variante del gesto dell’ombrello, svanirà dalle cronache marginali di queste elezioni europee ma resterà molto più a lungo, in profondità, come segnale di un punto di non ritorno, o di cambio di paradigma, nei rapporti tra politica, religione, identità. Non è però solo un gesto grossolano, strumentale per tagliare in fette l’elettorato cattolico. Matteo Salvini un po’ si è documentato, sulle radici identitarie eurocristiane, e la sua invocazione dal palco sovranista di piazza Duomo è...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • joepelikan

    26 Maggio 2019 - 14:02

    Che questo giornale scriva con intonazioni positive di Masha Gessen è indicativo. La Gessen è una omosessuale saffica. È stata una delle maggiori sostenitrici delle antinozze pederastiche da legalizzare con il da lei candidamente dichiarato intento di distruggere la famiglia. È un essere moralmente ripugnante. Quanto al sanfedismo, molto meglio quello della massoneria al potere in Europa, che sacrifica i bambini a Satana nei suoi templi-cliniche abortiste.

    Report

    Rispondi

Servizi