cerca

Il Papa: "Sia riconosciuta la libertà religiosa ai cristiani che vivono in contesti ostili"

Dallo Yemen alla Terrasanta, dalla penisola coreana all'Ucraina e al Nicaragua: prima della benedizione Urbi et orbi, Francesco ha ricordato le regioni del mondo percorse da crisi politiche o guerre. Ieri la messa della notte e il messaggio alle Forze armate italiane

25 Dicembre 2018 alle 12:17

Il Papa: "Sia riconosciuta la libertà religiosa ai cristiani che vivono in contesti ostili"

Papa Francesco all'Urbi et orbi (LaPresse)

Roma. “Qual è il messaggio universale del Natale?”, domanda il Papa all’inizio del Messaggio natalizio che come da tradizione ha anticipato la solenne benedizione Urbi et orbi, alla città e al mondo. “Ci dice che Dio è Padre buono e noi siamo tutti fratelli”, è la risposta. E “questa verità sta alla base della visione cristiana dell’umanità. Senza la fraternità che Gesù Cristo ci ha donato, i nostri sforzi per un mondo più gusto hanno il fiato corto, e anche i migliori progetti rischiano di diventare strutture senz’anima. Per questo il mio augurio di buon Natale – ha aggiunto Francesco – è un augurio di fraternità”. Fraternità “tra persone di ogni nazione e cultura, tra persone di idee diverse, ma capaci di rispettarsi e di ascoltare l’altro, tra persone di diverse religioni”, perché “Gesù è venuto a rivelare il volto di Dio a tutti coloro che lo cercano”. Un volto che “si è manifestato in un volto umano concreto. Non è apparso in un angelo, ma in un uomo, nato in un tempo e in un luogo”.

 

Questo Natale – ha sottolineato il Pontefice – “ci faccia riscoprire i legami di fraternità che ci uniscono come esseri umani e legano tutti i popoli. Consenta a israeliani e palestinesi di riprendere il dialogo e intraprendere un cammino di pace che ponga fine a un conflitto che da più di settant’anni lacera la Terra scelta dal Signore per mostrare il suo volto d’amore”. Gesù “permetta all’amata e martoriata Siria di ritrovare la fraternità dopo questi lunghi anni di guerra. La Comunità internazionale si adoperi decisamente per una soluzione politica che accantoni le divisioni e gli interessi di parte, così che il popolo siriano, specialmente quanti hanno dovuto lasciare le proprie terre e cercare rifugio altrove, possa tornare a vivere in pace nella propria patria”.

 

Ma nel pensiero del Papa c’è anche lo Yemen, la cui popolazione è “stremata dalla guerra e dalla carestia”, e l’Africa, “dove milioni di persone sono rifugiate o sfollate e necessitano di assistenza umanitaria e di sicurezza alimentare”. Il Natale, ha detto poi Bergoglio, “rinsaldi i vincoli fraterni che uniscono la penisola coreana e consenta di proseguire il cammino di avvicinamento intrapreso e di giungere a soluzioni condivise che assicurino a tutti sviluppo e benessere”. Concordia per il Venezuela, auspicando che “tutte le componenti sociali” lavorino “fraternamente per lo sviluppo del paese e per assistere le fasce più deboli della popolazione”. Il Papa ha ricordato poi “l’amata Ucraina, ansiosa di riconquistare una pace duratura che tarda a venire. Solo con la pace, rispettosa dei diritti di ogni nazione, il paese può riprendersi dalle sofferenze subite e ristabilire condizioni di vita dignitose per i propri cittadini. Sono vicino – ha detto Francesco – alle comunità cristiane di quella regione, e prego che si possano tessere rapporti di fraternità e di amicizia”. Infine, il “Nicaragua, affinché non prevalgano le divisioni e le discordie, ma tutti si adoperino per favorire la riconciliazione e costruire insieme il futuro del paese”.

 

L’ultimo pensiero del Pontefice è per “i popoli che subiscono colonizzazioni ideologiche, culturali ed economiche vedendo lacerata la loro libertà e la loro identità, e che soffrono per la fame e la mancanza di servizi educativi e sanitari”. Bergoglio ha voluto ricordare “i nostri fratelli e sorelle che festeggiano la Natività del Signore in contesti difficili, per non dire ostili, specialmente là dove la comunità cristiana è una minoranza, talvolta vulnerabile e non considerata. Il Signore doni a loro e a tutte le minoranze di vivere in pace e di veder riconosciuti i propri diritti, soprattutto la libertà religiosa”.

 

Nell’omelia della messa della Notte, il Papa ha denunciato come l’uomo sia diventato “avido e vorace. Avere, riempirsi di cose pare a tanti il senso della vita. Un’insaziabile ingordigia attraversa la storia umana, fino ai paradossi di oggi, quando pochi banchettano lautamente e troppi non hanno pane per vivere”. Il Natale cambia la prospettiva: “Il corpicino del Bambino di Betlemme lancia un nuovo modello di vita: non divorare e accaparrare, ma condividere e donare. Dio si fa piccolo per essere nostro cibo. Nutrendoci di Lui, Pane di vita, possiamo rinascere nell’amore e spezzare la spirale dell’avidità e dell’ingordigia”.
Nel pomeriggio, Francesco aveva rivolto in un video un messaggio ai militari italiani impegnati nelle missioni all’estero: “Vivere il Natale lontano dall’amore della famiglia e del paese non è una cosa bella. Il Signore benedica la vostra generosità”.

Matteo Matzuzzi

Matteo Matzuzzi

E' nato a Udine nel 1986. Si è laureato per convinzione in diplomazia e per combinazione si è trovato a fare il giornalista. Ha sperimentato la follia di fare l'arbitro di calcio, prendendosi pioggia e insulti a ogni weekend. Milanista critico e ormai poco sentimentale, ama leggere Roth (Joseph, non Philip) e McCarthy (Cormac). Ha la comune passione per le serie tv americane che valuta con riconosciuto spirito polemico. Al Foglio si occupa di libri, chiesa, religioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi