cerca

Il Vaticano invoca “l’unione tra fede e ragione” per ridurre i gas serra

Dopo il fallimento della Cop24, la Santa Sede accusa e rilancia sui cambiamenti climatici 

21 Dicembre 2018 alle 06:00

Il Vaticano invoca “l’unione tra fede e ragione” per ridurre i gas serra

(Foto LaPresse)

Roma. Quando nel 2015 fu presentata al mondo l’enciclica Laudato si’, il padre gesuita James Schall – già titolare della cattedra di Filosofia politica alla Georgetown University di Washington – era insorto: “Se il riscaldamento della terra sia un fatto o se l’abbandono del carbone sia un vantaggio o uno svantaggio per il mondo sono questioni di giudizio e oggetto di accurata analisi delle prove. Ma la chiesa non può mettersi sulla scia di queste considerazioni. Deve astenersi dal dare il proprio sostegno a qualunque ideologia”, diceva in un’intervista al Foglio. La chiesa, proseguiva, “rischia di essere ridicolizzata confondendo la scienza, che è sempre riformabile quanto ai propri princìpi, con i fatti”.

 

Passati tre anni e mezzo da allora, la critica più pesante ai risultati della Cop24, la conferenza sui cambiamenti climatici che si è tenuta a Katowice dal 2 al 15 dicembre, è arrivata dal Vaticano. Inevitabile, dopo gli auspici espressi dal Papa lo scorso luglio, quando ricevette nella Sala Clementina i partecipanti alla Conferenza internazionale in occasione del terzo anniversario della Laudato si’: “Il vertice Cop24 sul clima – disse allora Bergoglio – può essere una pietra miliare nel cammino tracciato dall’Accordo di Parigi del 2015. Tutti sappiamo che molto deve essere fatto per l’attuazione di quell’Accordo. Tutti i governi dovrebbero sforzarsi di onorare gli impegni assunti a Parigi per evitare le peggiori conseguenze della crisi climatica. La riduzione dei gas serra richiede onestà, coraggio e responsabilità, soprattutto da parte dei paesi più potenti e più inquinanti. Non possiamo permetterci di perdere tempo in questo processo”.

 

Quel che è certo, oggi, è che a Katowice non è stata posta alcuna pietra miliare e di tempo se ne è perso in abbondanza. La dichiarazione finale firmata dalla delegazione della Santa Sede presente in Polonia ai più alti livelli (c’era il cardinale segretario di stato Pietro Parolin, a giudizio del quale “i cambiamenti climatici sono anche una questione morale e non solo tecnica”) è un j’accuse rivolto al mondo distratto. Dopo una premessa non tenera nei confronti di “leader mondiali” che “hanno stentato a trovare la volontà di mettere da parte i propri interessi economici e politici a breve termine e lavorare per il bene comune”, si osserva che “il regolamento non rispecchia in maniera adeguata l’urgenza con cui occorre affrontare i cambiamenti climatici, che costituiscono una delle principali sfide attuali per l’umanità”.

 

Inoltre, prosegue la dichiarazione, “il regolamento sembra sminuire i diritti umani, fondamentali nel riflettere il volto umano dei cambiamenti climatici, che colpiscono le persone più vulnerabili della terra. Il loro grido e quello della terra esigono più ambizione e maggiore urgenza”. La Santa Sede entra poi nei dettagli e invita a “limitare in maniera responsabile l’aumento medio globale a 1,5 gradi centigradi sopra i livelli preindustriali”. Di seguito – affermano i membri della delegazione – “incoraggiamo un’ambizione molto più grande nel fornire contributi determinanti nazionalmente e meccanismi più forti per ridurre le emissioni di gas serra, gestire la decarbonizzazione dell’attuale economia basata sui combustibili fossili, far conoscere in modo trasparente come ogni nazione attua i propri impegni, affrontare la questione della perdita e del danno, assicurare solidi impegni finanziari e promuovere l’educazione alla sostenibilità, la consapevolezza responsabile e i cambiamenti nello stile di vita”. È indispensabile, quindi, un’unione tra “fede e ragione per consentirci di compiere scelte positive nei nostri stili di vita, nel modo di gestire le nostre economie e nel costruire una solidarietà globale autentica, necessaria per evitare questa crisi climatica”.

Matteo Matzuzzi

Matteo Matzuzzi

E' nato a Udine nel 1986. Si è laureato per convinzione in diplomazia e per combinazione si è trovato a fare il giornalista. Ha sperimentato la follia di fare l'arbitro di calcio, prendendosi pioggia e insulti a ogni weekend. Milanista critico e ormai poco sentimentale, ama leggere Roth (Joseph, non Philip) e McCarthy (Cormac). Ha la comune passione per le serie tv americane che valuta con riconosciuto spirito polemico. Al Foglio si occupa di libri, chiesa, religioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi