La purga cilena di Papa Francesco

Inizia in Cile il repulisti del Pontefice. Fuori tre vescovi tra cui Barros e nessun successore (per ora)

11 Giugno 2018 alle 19:36

La purga cilena di Papa Francesco

Foto LaPresse

Roma. Trentuno vescovi cileni, su invito del Papa, avevano rimesso il loro mandato a metà maggio, al termine della tre-giorni di confronto in Vaticano sullo stato della chiesa nel paese latinoamericano, squassata da torbide storie di abusi sessuali su minori, di coperture, di reti di preti conviventi con altri preti. Lunedì, Francesco ha iniziato l’annunciata operazione di spoils system – altri direbbero di ricostruzione – della gerarchia. Di trentuno lettere di dimissioni ne sono state accolte (per ora) tre, fra...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi