cerca

Siamo nella Nutella fino al collo

A Pesaro l'omicidio del fratello di un pentito della 'ndrangheta. Così funziona il sistema di protezione

26 Dicembre 2018 alle 18:50

Siamo nella Nutella fino al collo

La foto di Matteo Salvini pubblicata stamattina su Facebook

Il lavoro di protezione dei familiari di collaboratori di giustizia è fra i più complicati e compete al ministero dell’Interno. Quando il mafioso decide di collaborare la sua messa in sicurezza è relativamente semplice, soprattutto se è, come avviene nella maggior parte dei casi, già detenuto. Il problema vero sono i familiari di cui il collaboratore chiede eguale protezione che non è detto loro accettino. Ci sono casi, non pochi, in cui mogli ripudiano mariti, genitori figli. Occorre tenere presente che il parente che accetta di condividere la sorte di chi decide di collaborare accende anch’egli un credito con lo stato divenendo un bersaglio dei mafiosi. Viene spostato nottetempo prima possibile, prima ovviamente che la notizia sia trapelata. In genere abita in quartieri ad altissima densità mafiosa.

  

Per dire, spostare la famiglia di un camorrista pentito dei quartieri spagnoli necessita di tre auto, una con due agenti, un autista e un armato, altre due con agenti di un corpo speciale muniti di armi corte e lunghe. Altri hanno già predisposto un appartamento e documenti con nomi nuovi in un posto lontano ma raggiungibile con una corsa notturna in autostrada. Poi seguirà una routine di controlli che coinvolgeranno i presidi di polizia del posto di arrivo ma qualcuno della Dia, o del Ros o dello Sco, ogni tanto si affaccerà per verificare che tutto funzioni a dovere. Un meccanismo complicato che necessita di professionisti di alto livello, che ci sono, adeguatamente motivati. Qui abbiamo un problema. Quello che è successo a Pesaro mostra che da questo punto di vista siamo nella Nutella fino al collo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Simona Perna

    27 Dicembre 2018 - 11:11

    Meglio Salvini e la sua nutella piuttosto che quello che oggi è il ramo secco del centro-destra. Ramo secco che era riuscito a mettere gente come Nicola Consentino allo "sviluppo economico", quando oggi risulta condannato a circa 40 anni di carcere per camorra. E dello spazza-corrotti vogliamo parlarne? Che ne pensa il 9 volte prescritto Silvio Berlusconi? Per non parlare dei vari Ciarrapico, Dell'Utri, Verdini etc. etc. "perseguitati" dai magistrati...

    Report

    Rispondi

  • fiorevalter

    26 Dicembre 2018 - 21:09

    giustissimo. Un ministro degli interni, come della difesa e degli esteri dovrebbe avere come suo primo obiettivo motivare e rassicurare i suoi uomini visto il particolare e difficile ruolo che ricoprono. Invece si trovano uno che manda all'aria le operazioni per farsi bello in un tweet e che mangia nutella per farsi applaudire da dei cretini. Auguriamoci che quelle donne e uomini sappiano restare vigili e motivati nonostante tutto

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      27 Dicembre 2018 - 17:05

      E che magari se vedono che sulla casella della posta del protetto c'è il nome vero del protetto, lo cambino.... chissà da quanto tempo era così.... magari da tempi immemorabili.

      Report

      Rispondi

Servizi