cerca

La lezione di Simone Veil

Nel momento stesso in cui madame Veil onorava il Pantheon, Matteo Salvini, in un pratone di Pontida, si apriva la patta per mostrare alla plebe il proprio aggeggio sovrano

3 Luglio 2018 alle 06:17

La lezione di Simone Veil

Foto LaPresse

E’ entrata nel Pantheon, Simone Veil, da più che francese, nel rispetto del mondo. Per la bestialità delle sofferenze subite e la dignità con cui le ha sopportate, da ebrea scampata e rimasta moderna restando cordialmente ebrea. Insegnando che l’orrore dei torturatori ha bisogno anch’esso, che sia maledetto, di comprensione. Perché, ha spiegato e rispiegato, niente è più sacro che la pace tra i figli delle vittime e i figli dei carnefici. E’ entrata al Pantheon nel rispetto del mondo per quel suo sguardo pieno di fascino femminile, di serenità consapevole, poi per quella fierezza che non dipendeva dal contesto, piuttosto dalla sua natura speciale. Macron, monsieur le Président, l’ha ricordata nel modo asciutto che contraddistingue i francesi quando sanno di poter andare particolarmente fieri, ed è successo tante volte, dei migliori tra loro. Simone Veil conosceva l’utopia dell’Europa e la fortuna indicibile concessa dalla possibilità di poterla toccare con le mani. Ha inorgoglito i francesi, tutti i francesi, perfino quelli che avrebbero volentieri desiderato dimenticarla. Ecco. Nel momento stesso in cui madame Veil onorava il Pantheon, Matteo Salvini, in un pratone di Pontida, si apriva la patta per mostrare alla plebe il proprio aggeggio sovrano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • paoladl

    03 Luglio 2018 - 17:05

    Grande Bordin!

    Report

    Rispondi

  • furlaninterfan

    03 Luglio 2018 - 10:10

    Ma come è possibile che gli elettori italiani non si accargano che noi siamo i migliori, i più intelligenti, anzi i soli che dovrebbero contare? Iginio Petrussa

    Report

    Rispondi

Servizi