un foglio internazionale

L'iniziale fallimento di Trump sul virus

Per il Wall Street Journal il Covid-19 ha minato la capacità del presidente americano di guidare il paese: leadership significa dire la verità, non affibbiare nomignoli

“Quando il presidente Trump vede una minaccia politica, il suo istinto è quello di negare, raddoppiare e contrattaccare” scrive il Wall Street Journal in un editoriale non firmato che esprime la linea del quotidiano. “Ciò è stato spesso politicamente efficace, ma nel caso del coronavirus ha minato la sua capacità di guidare il paese. Non è esatto, come riportato dalla stampa la scorsa settimana, che il presidente abbia definito il virus un ‘imbroglio’. Ha detto che le critiche alla sua amministrazione sono una bufala. Tuttavia, le sue osservazioni pubbliche troppo spesso continuano a dare l’impressione di vedere il virus più come un’altra possibilità di combattimento politico che come un grave problema di salute pubblica. I consulenti della Casa Bianca la scorsa settimana hanno affermato che il virus è ‘contenuto’ nonostante prove contrarie”.

 

“Lunedì, dopo aver suggerito che fake news stava guidando la rotta del mercato azionario, il presidente ha twittato: ‘L’anno scorso 37.000 americani sono morti per l’influenza comune. In media tra 27.000 e 70.000 all’anno. Niente è chiuso, la vita e l’economia continuano. In questo momento ci sono 546 casi confermati di coronavirus, con 22 morti. Pensateci!’. Come l’influenza comune, a eccezione del tasso di mortalità per virus che potrebbe essere dieci volte superiore. Come l’influenza comune, tranne il fatto che la popolazione degli Stati Uniti non ha un’immunità accumulata, quindi il virus lasciato incontrollato potrebbe infettare una percentuale significativamente più alta della popolazione a un ritmo più veloce, travolgendo il sistema medico. Nessuno sa come andrà a finire nei prossimi mesi. Tuttavia, con il crollo dei mercati azionari, le scuole che annullano le lezioni, le aziende che svuotano i loro uffici e le nazioni che bloccano i confini e città, gli americani vogliono una leadership stabile. L’errore è affermare che non ci sono stati problemi. Trump ha ragione sul fatto che i suoi avversari, in politica e nei media, vogliono trasformare il virus nel suo uragano Katrina. Questo è inevitabile e non dovrebbe caderci in trappola. La miglior difesa non è quella di contrattaccare come se il virus fosse Adam Schiff. Non può essere deriso con un soprannome o respinto con affermazioni troppo ottimistiche che rischiano di essere investite dalla realtà in una settimana o un mese. La migliore risposta è una leadership forte e realistica che metta in mostra i punti di forza del governo guidato da un presidente. Questo significa lasciare che gli esperti parlino e non speculare su cose di cui non si sa molto. Significa mostrare sostegno personale per i pazienti con virus e i loro badanti in prima linea. Leadership significa mettere insieme una risposta alla debolezza economica e cosa si può fare per aiutare coloro che perdono il lavoro. Soprattutto, la leadership in una crisi significa dire al pubblico la verità”.

Di più su questi argomenti: