il foglio sportivo

Per Inter e Milan il derby è comunque un affare

Matteo Spaziante

La sfida porta cifre rilevanti nelle casse di nerazzurri e rossoneri, con numeri in aumento nelle ultime stagioni

Un derby da poco più dell’1 per cento. È questo il peso che la stracittadina ha sui fatturati di Inter e Milan in ogni stagione, in termini di incassi allo stadio. Il classico tutto esaurito o quasi di San Siro porta infatti cifre rilevanti nelle casse dei club, con numeri in aumento nelle ultime stagioni.

 

Le coreografie, gli sfottò e non solo, quindi. Il fascino del derby di Milano è rimasto immutato negli anni, così come il peso per le due squadre. Anche se non solo dal punto di vista sportivo, visti gli incassi che genera e che finiscono quasi esclusivamente alle società.

 

Basti pensare che la sfida dello scorso 17 marzo, formalmente in casa dei rossoneri, ha fatto segnare il primato di incassi della storia della Serie A, con biglietti venduti per 5,8 milioni di euro: nella storia del calcio italiano solo Inter-Barcellona della Champions League 2018/19 ha fatto meglio (5,9 milioni di incassi). Cifre magari difficilmente ripetibili, alla luce anche dell’aumento degli abbonamenti venduti per le due squadre (fattore che riduce quindi l’impatto della vendita dei biglietti per la singola gara a cifre ovviamente più alte rispetto agli abbonamenti), ma che hanno avuto un impatto rilevante sui conti dei club.

Dal 2011/12 si sono giocati infatti 16 derby di campionato: la media è di 77.602 spettatori presenti con incasso medio di 3,7 milioni di euro e un conseguente impatto sui fatturati di Inter e Milan pari all’1,4 per cento. Poco più dell’1 per cento dei ricavi delle milanesi è derivato così dalla stracittadina nelle ultime stagioni, con l’Inter che ha avuto una media di 3,7 milioni di incassi in casa su 265 milioni di fatturato e il Milan una media di 3,6 milioni su 260 milioni di fatturato.

Un peso importante anche considerando i soli ricavi da stadio. Il solo derby vale infatti oltre 1/10 degli incassi di una singola stagione: nel dettaglio, per l’Inter la sfida coi cugini vale il 13,9 per cento dei ricavi da stadio (media di 3,7 milioni su 27 milioni), contro il 12,1 del Milan (media di 3,6 milioni su 30,2 milioni). Tutto aspettando il nuovo San Siro, in cui le milanesi sperano di poter giocare un derby il prima possibile.

Di più su questi argomenti: