cerca

Il Fai difende la pseudoscienza al Politecnico

Il caso del convegno sulla agricoltura biodinamica nell'ateneo milanese e un singolare esercizio di ribaltamento della realtà

28 Novembre 2018 alle 06:00

Il Fai difende la pseudoscienza al Politecnico

Al direttore - Grazie al Foglio ho potuto seguire la vicenda dell’ospitalità data dal Politecnico di Milano a un convegno sulla agricoltura biodinamica. Sono un medico, professore associato in pensione presso La Sapienza di Roma. Ho insegnato Virologia per alcuni decenni agli studenti di Medicina, ho fatto ricerca di base presso il laboratorio di Biologia cellulare del Cnr di Roma per più di trent’anni. Fin dall’inizio ho condiviso quanto sollevato dalla professoressa Cattaneo che ha motivato autorevolmente l’inopportunità per il Politecnico di ospitare una manifestazione così chiaramente senza alcuna base scientifica. Essendo io iscritta da molti anni al Fai, mi sono rivolta a questa benemerita istituzione culturale, rilevando che sponsorizzare iniziative che aggravano lo stato di “diseducazione” scientifica del nostro paese mi amareggia e mi offende. Non c’è difesa del patrimonio culturale che valga a giustificare la tessera di un’associazione che promuove pratiche esoteriche e oscurantiste. Basti pensare che la biodinamica “certificata” prescrive, tra i rimedi per le colture, corni di vacca (che abbia figliato almeno una volta) ripieni di letame, o vesciche di cervo pieni di fiori di achillea, il tutto da applicare, sotterrare o dissotterrare secondo cadenze astrologiche.

  

Ignorate le proteste di 130 scienziati. La figuraccia del Politecnico

Il rettore tira dritto e non risponde: all'ateneo milanese porte aperte al biodinamico

  

In un singolare esercizio di ribaltamento della realtà, il vicepresidente esecutivo del Fai, Marco Magnifico, per tutta risposta mi ha scritto che se la prof.ssa Cattaneo fosse vissuta nel Seicento probabilmente avrebbe ritenuto giusto bruciare le streghe, che oggi tutti sappiamo non esistere, e mi ha ricordato che, contro le tesi oscurantiste della senatrice e di coloro che la sostengono, vi sono 56 ricercatori che hanno fatto sentire la loro voce a favore della scelta del Politecnico.

  

Il dott. Magnifico probabilmente ignora che, se oggi non bruciamo le streghe, lo dobbiamo proprio alla scienza, al metodo galileiano, a quanti come la prof.ssa Cattaneo e gli oltre 130 ricercatori del Politecnico, il Gruppo 2003, la Società italiana dei genetisti agrari, il Cicap, etc., rifiutano di avallare pratiche esoteriche che il Fai invece adotta, ad esempio, nella gestione del suo podere di Punta Mesco. Grazie e cari saluti.

  

Prof.ssa Gioia Turchi Carrara

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • manfredik

    29 Novembre 2018 - 06:06

    Ma non esageriamo, per cortesia! I biodinamici non fanno del male a nessuno, sono innocui. Non siamo mica obbligati a mangiarci le loro zuppe di cavolo nero. Fino a che le loro idee non pretendono di romperci un braccio o di mettere le mani nelle nostre tasche, che danno ci può venire dai loro corni di mucca ripieni di letame? A queste condizioni il liberale vive e lascia vivere tutti, anche i sostenitori della terra piatta.

    Report

    Rispondi

    • fiorevalter

      29 Novembre 2018 - 10:10

      i biodinamici non faranno male a nessuno ma non sono affatto innocui; la propaganda di queste panzane esoteriche è pericolosa in quanto contribuisce ad erodere quella che forse è la più grande conquista dell'umanità e cioè il metodo scientifico. Quel metodo di interpretazione della realtà che è stata la premessa per enormi avanzamenti in campo economico e sociale smontando il potere temporale delle religioni e delle credenze. Dibattere di queste scemenze in un convegno ufficiale significa legittimare, mettere sullo stesso piano i fatti scientifici e i fatti alternativi che è poi quello che vogliono i biodinamici, i novax, i nochemio, i complottisti del Bilderberg, ecc. Giochino pure con le loro corna di mucca ma da qui a legittimare queste cretinate come "alternativa" ce ne passa

      Report

      Rispondi

Servizi