Più chiusure. Perché Draghi deluderà il partito del liberi tutti

I dpcm non saranno archiviati

Claudio Cerasa

Il direttore del Foglio a Tagadà. Tutta Italia in zona arancione? "Con il nuovo esecutivo ci saranno misure ancora più severe per contenere la pandemia. I dpcm del governo Conte non saranno archiviati"

  

Draghi userà i decreti invece dei dpcm? L'arrivo di Draghi significa che ci saranno riaperture? Il direttore de Il Foglio Claudio Cerasa, ospite di Tagadà su La7, sulla gestione della pandemia da parte del nuovo esecutivo dice che "i dpcm non saranno archiviati, ci saranno misure ancora più severe per contenere la pandemia nel mese di marzo. Se c'è una discontinuità tra il governo Conte e quello Draghi credo sarà proprio sulla severità delle misure prese. Basta vedere i primi provvedimenti fatti dal governo sull'irrigidimento della zona rossa. Credo che nei prossimi giorni gran parte dell'Italia, se non tutta, possa davvero diventare zona arancione per provare ad arrivare all'appuntamento con la vaccinazione di massa nelle prossime settimane con una diminuzione dei contagi".

 

   

Oggi intanto il ministro della Salute Roberto Speranza è intervenuto al Senato per un'informativa sulle nuove misure per il contrasto della pandemia. "Il valore Rt si avvia a superare, con le misure attualmente in vigore, la soglia di 1. Con maggiore velocità la diffusione della variante inglese rende indispensabile alzare il livello di guardia. È ancora possibile contenerne la diffusione purché vengano applicate misure molto rigorose, che chirurgicamente possono ridurre i focolai".

  

  

Di più su questi argomenti:
  • Claudio Cerasa Direttore
  • Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.