cerca

Il processo è ai pieni poteri

Giustizialismo chi? La scelta di processare Salvini su Open Arms segna un punto di rottura tra chi vuole governare l’immigrazione chiedendo per sé i pieni poteri e chi lo fa chiedendo i pieni poteri dell’Europa. Le svolte possibili oltre la retorica

30 Luglio 2020 alle 21:14

Il processo è ai pieni poteri

Foto LaPresse

La decisione del Senato di votare a favore dell’autorizzazione a procedere nei confronti dell’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini per il caso Open Arms proietta la diciottesima legislatura in una stagione all’interno della quale il tema della discontinuità dalle trucissime politiche adottate sul terreno dell’immigrazione dal governo gialloverde diventa qualcosa di più di una semplice manifestazione di intenti. In molti proveranno a curvare i propri ragionamenti relativi al voto accusando la maggioranza di aver compiuto una scelta dettata dal giustizialismo –...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Claudio Cerasa

Claudio Cerasa

Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    31 Luglio 2020 - 13:47

    La II mondial war ci ha regalato ( yes senza gli sherman americani stasimo ancora sotto benito) la democrazia come sitema di governo,c'è solo un punto che a me over 80 non torna più pasano gli anni e invece di la democrazia in Italia diventi una realtà incontrovertibile ogni giorno qua e là am macchia di leopardo giornali politici trovarobe e posteggiatori sono presi da ansie terrificanti ponendosi la domanda" Ma c'è la democrazia in Italia o forse significa diverso ma c'è democrazia in Italia ?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    31 Luglio 2020 - 13:11

    Salvini è un super-attivo e digiamo pure agitato e frenetico .Usa il digitale come gli uccelli le ali ma poco intende di politica ma facendone di cotte e di crude h24 appare come un politico navigato in effetti più che cittadini che lo seguono per le sue non chiare idee sembra la Ferragni che accumula follower a scopo di lucro e lui consensi. Tra Lui e Giuseppi è un gara dura a dire chi è più stupido o più intelligente.Ma in fondo alli italici non frega nulla e in effetti tra Salvini Giuseppi e Cicciolina nel confronto mesà che è più intelligente Cicciolina sennò perchè il grande Guru Pannella da tutti ammirato per la super intelligenza fece eleggere Cicciolina deputato?

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    31 Luglio 2020 - 13:05

    Aspettiamo gli sviluppi del rinvio a processo di Salvini, anche se io rimango del parere che gli avversari politici si combattono con le idee e i programmi. In ogni caso adesso dal governo Conte aspettiamo i fatti concreti. Le notizie di oggi sono allarmanti con il calo del Pil e con la disfatta delle borse di ieri. Poi abbiamo la crisi Usa con il 32 per cento ed oltre di Pil in meno e l'avvenire è sempre più fosco per noi e le nuove generazioni. Da qui sveglia Italia e sveglia Europa!

    Report

    Rispondi

  • egidio.papetti

    31 Luglio 2020 - 12:43

    Caro direttore le sue acrobatiche analisi politiche fanno un po' sorridere, sostenere il governo attuale se le piace tanto affari suoi, dove stia la ciccia però in fatto di immigrazione, si sta arrampicando, occhio che si può cadere dagli specchi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi