cerca

Il virus e i nuovi confini tra sinistra e destra

La paura vale per tutti, è per sua natura egualitaria, ma la reazione culturale diverge (vedi Bolsonaro) ed è il riflesso di due visioni del mondo. Perché le virtù repubblicane antivirus stanno a metà tra la nostra indipendenza etica e il nostro buon senso solidale

8 Luglio 2020 alle 06:00

Il virus e i nuovi confini tra sinistra e destra

Un'immagine della manifestazione del centrodestra sabato scorso a Roma (foto LaPresse)

Non è così difficile capire perché ci siano due sensibilità diverse nella reazione all’epidemia. A sinistra si crede nell’uso razionale di strumenti preventivi, al principio di precauzione, al concetto di cura di sé e degli altri, e alla comunità. Di qui propensione maggiore a usare mascherine, a distanziarsi, a osservare regole collettive alla cui radice sta la fiducia nell’umanità, nelle sue magnifiche sorti e progressive, nelle sue risorse comuni e condivise, nei dettami dell’autogoverno e nel welfare di stato. A...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • leless1960

    08 Luglio 2020 - 10:17

    Ma il buon senso e la ragionevolezza, adesso, sono di destra o di sinistra? Quando ero giovane e decisamente di sinistra si sarebbe detto che erano di destra, adesso ho molti dubbi. Anche perché mi pare che l'imbecillità, come altri pregi quali l'ignoranza e il fanatismo o la demenza senile, siano equidistribuiti. Non dico come faccio io, quando mi metto la mascherina o quando nonm me la metto, non vorrei mi portasse sfiga, ma insomma vedo tanti esauriti. C'erano anche prima, solo che adesso si notano perché hanno la mascherina pure quando sono sigillati da soli in macchina.

    Report

    Rispondi

Servizi