Matteo Salvini (foto LaPresse)

Avere la faccia come la Lega

Claudio Cerasa

Piagnucolare sul maggioritario dopo averlo sepolto. Combattere l’antisemitismo mentre si gioca con l’estremismo. Difendere la prescrizione dopo averla abolita. Denunciare l’odio dopo averlo alimentato. Guida rapida alle imposture di Salvini

Può darsi che il tasso di rimbecillimento degli italiani, detto con affetto e con rispetto, sia arrivato a livelli di guardia e che ogni imbroglio politico venga ingurgitato con disinvoltura come se fosse un prelibato nettare degli dèi. Può darsi che la capacità di distinguere una posa genuina da una falsa sia drammaticamente scesa sotto l’asticella della dignità. Può darsi che tutto questa stia succedendo e che in molti non sappiano più cogliere la differenza tra un volto reale e la maschera che copre quel volto. Ma se ci si riflette un istante non sarà difficile indovinare in alcuni atteggiamenti apparentemente seducenti assunti dalla Lega di Matteo Salvini diverse pose che si trovano a metà tra la clamorosa impostura e la colossale presa in giro. E se si vuole evitare di passeggiare con un bell’anello piantato nel naso non si può fare a meno di notare che lo stile con cui il leader della Lega ha portato avanti negli ultimi giorni le sue battaglie a favore del maggioritario, a favore della lotta contro l’antisemitismo, a favore della difesa del garantismo e a favore di una politica sempre meno contaminata dall’odio sono battaglie un po’ da Pinocchio e un po’ da Pulcinella.

 

Matteo Salvini dice di essere molto a favore di Israele, cosa che ovviamente ci fa piacere, ma mentre utilizza la sua vicinanza a Israele per manifestare il suo impegno contro l’antisemitismo dimentica di ricordare che per combattere l’antisemitismo occorre fare una cosa che la Lega non fa: condannare l’odio xenofobo alimentato in tutta l’Europa dai partiti di estrema destra cugini della Lega. Matteo Salvini dice di essere anche a favore del maggioritario, ragione per cui manifesta grande rammarico per la scelta della Consulta di bocciare il suo referendum farlocco, ma mentre utilizza l’ennesimo flop costituzionale di Calderoli per provare a guadagnare la simpatia dei maggioritaristi italiani, dimentica di ricordare che è stata la Lega, due anni fa, a votare la stessa legge che la Lega oggi vuole superare, ovvero il Rosatellum, ed è stata la Lega, tre anni fa, a fare campagna referendaria contro una riforma costituzionale che non si è portata via solo la leadership di Renzi ma si è portata via chissà per quanti anni la speranza di avere un sistema istituzionale governato da un maggioritario vero, con monocameralismo quasi perfetto e splendido doppio turno. Matteo Salvini, poi, dice di essere anche molto indignato per la scelta fatta da questa maggioranza di non bloccare l’entrata in vigore di una legge che dal 1° gennaio 2020 elimina la prescrizione e che “allunga i tempi della giustizia ma soprattutto tiene sotto perenne processo e sotto sequestro di persona milioni di italiani”, ma mentre Salvini si erge a improbabile difensore dello stato di diritto dimentica di ricordare che la legge che critica con grande vigore l’ha votata lui, con tutto il suo partito, così come la riforma del Fondo salva stati criticata dalla Lega era stata portata avanti dall’esecutivo guidato dalla Lega, e dimentica anche di ammettere che essere difensore dello stato di diritto in Parlamento mentre si governa è molto più importante che esserlo su Instagram mentre si bacia un’ottima coppa di maiale.

 

Matteo Salvini, ancora, dice di essere molto indignato per l’orrendo titolo piazzato in prima pagina da Repubblica tre giorni fa, “Cancellare Salvini”, e nel contestare la scelta del direttore Verdelli accusa i suoi avversari di essere loro, e non altri, i veri seminatori di odio nel paese, ma nel farlo Salvini dimentica di dire di essere stato proprio lui, con la sua bestia, a versare odio nei pozzi della politica italiana con gli stessi metodi contestati ai suoi avversari e sarebbe utile che un qualche social media editor della Lega riproponesse al senatore tutti i tweet con cui il senatore negli ultimi anni ha letteralmente aizzato il popolo per “cancellare la Fornero”.

 

Matteo Salvini, infine, provando ad accendere gli animi dei garantisti italiani, e c’è qualcuno che c’è pure cascato, dice di essere un perseguitato politico per aver ricevuto una richiesta di autorizzazione a procedere nei suoi confronti per il caso Gregoretti, il primo voto sarà il 20 gennaio, ma nel farlo dimentica di dire che nel corso della sua eccitante esperienza di governo è stato proprio lui più volte ad aver rivendicato il reato che gli viene contestato, violare le convenzioni internazionali in materia di soccorso in mare e le correlate norme di attuazione nazionali non consentendo senza giustificato motivo di “esitare” con tempestività la richiesta di Pos, place of safety e bloccando la procedura di sbarco dei migranti in maniera da determinare in modo consapevole la legittima privazione della libertà personale di questi ultimi, rivendicando la sua scelta politica come un mezzo necessario per trasformare la presa in ostaggio di un’imbarcazione in una mossa per negoziare con l’Europa. L’Italia che Salvini finge di combattere, e che dice di disprezzare, è insomma un’Italia che sotto molti versi ha contribuito ad alimentare proprio Salvini. Alcuni atteggiamenti assunti dalla Lega possono apparire seducenti ma una posa resta una posa ed è sufficiente spostare la maschera per capire la differenza tra una svolta sincera e un’impostura pura. Anelli al naso no, grazie.

Di più su questi argomenti:
  • Claudio Cerasa Direttore
  • Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.