In Puglia (ma non solo) Renzi e Calenda provano l'alleanza

Valerio Valentini

Un candidato comune contro Emiliano. E poi anche alle suppletive, con un sogno: il sindaco a Roma. Richetti: "Un'alternativa da costruire ovunque"

Roma. Leggono le agenzie che arrivano da Contigliano, dove il Pd è riunito in meditazione, e si fregano le mani: “Se tutto è fermo fino al 2023, tutto è in movimento”. Poi dal manipolo di parlamentari di Italia viva raccolti in capannello in Transatlantico si stacca Ettore Rosato, gran manovratore a Montecitorio, e la spiega così, la fuga in avanti di Matteo Renzi: “Il Pd ha stabilito che il suo futuro sta nell’alleanza con il M5s. La nostra strada è diversa”. Mani libere, insomma. E siccome l’ex premier con le mani in mano non ci sa stare, ecco che subito le usa per accendere la miccia: “In Puglia, nella terra che rappresenta l’emblema dell’alleanza culturale tra il Pd e il grillismo presenteremo un candidato diverso da Emiliano”. Di ritorno dal ritiro spirituale dell’abbazia di San Pastore, Matteo Orfini allarga le braccia con l’aria di chi osserva l’accadere di una cosa inevitabile: “D’altronde, se noi del Pd garantiamo la stabilità ma non alziamo l’asticella delle nostre proposte, a chi non vuole questa alleanza organica col M5s apriamo una prateria”.

 

 

Dove corre, oltre a Renzi, anche Carlo Calenda. Il quale, nella sua coerente fermezza antigrillina, aveva già proposto al leader di Iv un accordo che prevedesse il sostegno congiunto a Fabiano Amati nelle primarie del Pd pugliese di domenica scorsa. Il fiorentino era rimasto a guardare, preparando la contromossa. Che Calenda – dopo avere accarezzato addirittura l’idea di schierarsi col meloniano Raffaele Fitto – apprezza via Twitter: “Bene, Matteo. Troviamo un candidato da sostenere insieme in Puglia contro Emiliano e il centrodestra anche con +Europa. Adelante”. Il portacolori andrà individuato: “Non sarà Teresa Bellanova, che resterà nel governo”, dice Renzi a chi lo interpella. “Ma sarà una candidatura sorprendente”. E subito quello della Puglia, dove si vota a primavera, più che un caso isolato si configura semmai un laboratorio.

 

Perché in un attimo la suggestione che circolava da giorni si materializza coi connotati della certezza: “Ci presenteremo da soli alle tre suppletive, così la smetteranno di dire che stiamo al 3 per cento e non contiamo nulla”, conferma l’ex premier. E la proposta, anche qui, raccoglie subito proseliti. “Quella di una convergenza con Italia viva è una prospettiva a cui noi di Azione ovviamente guardiamo”, dice il senatore Matteo Richetti, scudiero fidato di Calenda. “Si tratta di un’alternativa democratica e riformista che andrà costruita ogni volta che sarà possibile farlo, a partire dalle prossime suppletive”. E così, tra febbraio a marzo, le tre elezioni nei collegi di Roma, Napoli e Terni saranno il campo di battaglia per valutare la consistenza e il peso di “un fronte che si oppone – prosegue Richetti – a quell’orizzonte indicato con pervicacia dall’intero Pd: quello, cioè, di un’alleanza strutturale col M5s”. Nella Capitale, per strappare il seggio del centro cittadino che il 4 marzo fu conquistato da Paolo Gentiloni e che è poi rimasto vacante dopo la promozione dell’ex premier a commissario europeo, si valutano profili di esponenti della società civile. Una soluzione che pare riproponibile anche nel capoluogo umbro, orfano della neo governatrice Donatella Tesei, e in quello partenopeo, dove – manco a dirlo – M5s e Pd stanno tentando d’imbastire, in piccolo, un accordo che potrebbe essere poi riproposto su scala più grande anche alle regionali: e cioè una candidatura unica.

 

“Se questa è la prospettiva verso cui si muovono Pd e M5s, noi non possiamo che reagire costruendo una proposta diversa”, dice Roberto Giachetti, che ribadisce la sua convinzione: “La soglia di sbarramento del 5 per cento, che noi non temiamo affatto, spingerà inevitabilmente verso l’aggregazione, altro che la paventata proliferazione dei partitini di cui parla Matteo Salvini”. Quanto alla convergenza tra Italia viva e Azione, il fu sfidante di Virginia Raggi sorride con l’aria di chi spera: “Io non avrei dubbi. Fosse per me, tanto per dirne una, candiderei Calenda a sindaco di Roma. Forse è l’unico che potrebbe farcela: non solo a vincere, ma a governare”.

Di più su questi argomenti: