cerca

Il nuovo governo nasce con un contratto mica male: vaffa Brexit

Niente scherzi su euro, Europa, trattati, Russia. Rousseau dice sì a un programma dove ciò che conta è ciò che non c’è

4 Settembre 2019 alle 06:00

Il nuovo governo nasce con un contratto mica male: vaffa Brexit
L’elemento più rilevante presente all’interno del programma di governo diffuso ieri mattina dalla piattaforma Rousseau non riguarda tutto ciò che il programma prevede (tra i punti elencati mancano solo la promessa di lavorare con urgenza alla pace nel mondo e la garanzia di offrire cchiù pilu pe’ tutti, come direbbe Antonio Albanese), ma riguarda una serie di punti specifici che il programma, grazie al cielo, non prevede e la cui assenza rappresenta un’assicurazione sulla salute futura del nostro paese. La...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Claudio Cerasa

Claudio Cerasa

Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    04 Settembre 2019 - 17:05

    Al direttore - "un governo sbagliato nato per fare una cosa giusta" Suggestivo: il nodo, il baco nativo è nel "modo" con cui è nato. Un parto distocico. Gli ostetrici litigavano tra loro. Il neonato ne ha sofferto molto e il fine "per fare una cosa giusta" ha già perso il bandolo della matassa. Non ci attendono giorni fecondi e tranquilli. Non ci sarà consenso parlamentare e media che tengano: gli italiani pretendono che si metta mano, non con chiacchiere auliche, ma concretamente, ai problemi della loro vacca vita boia quotidiana. Non sarà possibile poiché ciascuno, a iniziare dall'interno dei due benedetti dalla piattaforma, si muove col pensiero fisso sulla propria “vita” Nel Regno Unito a ottobre si vota.

    Report

    Rispondi

  • joepelikan

    04 Settembre 2019 - 15:03

    Peròn.

    Report

    Rispondi

  • dongivu

    04 Settembre 2019 - 15:03

    Da mai comunista mi chiedo perchè anche persone intelligenti spingano a che anche l'Italia sia rasa al suolo dal marxismo per avviarsi faticosamente e non senza rigidità destrorse (vedi Russia, est europeo e Grecia) sulla strada di una normale dialettica politica. Come si fa a non capire che sinistra e figliastro grillismo si fondano solo su giustizialismo e odio con chi pensa e cerca di agire diversamente da lor signori? Slurp a Cerasa e Ferrara augurandomi di ceffare clamorosamente per il bene dell'Italia, a meno che l'Italia non si meriti tutto questo e peggio ancora.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    04 Settembre 2019 - 14:02

    Mi correggo: ... già qualcuno chiede il ripristino dell'articolo 18...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi