cerca

Elogio di quelli che l’hanno capita

Il liberalismo è in crisi ma Tsipras e Landini hanno capito che è insostituibile e che oltre il liberalismo c’è solo l’illiberalismo, una democrazia trombona, nazionalista un po’ fascia e senza diritti. Dio benedica e moltiplichi chi impara dai propri errori

11 Giugno 2019 alle 06:28

Elogio di quelli che l’hanno capita
Ci sono anche quelli che hanno capito. Il liberalismo è in crisi ma Alexis Tsipras e Maurizio Landini hanno capito che è insostituibile, che è di sinistra, per dirla con Giavazzi, che oltre il liberalismo c’è solo l’illiberalismo, una democrazia trombona, nazionalista squinzia e un po’ fascista, e senza veri diritti. Così pare, almeno. Tsipras è elettoralmente in difficoltà, d’accordo, non si salva impunemente un paese che si prometteva di riscattare e distruggere, con una svolta di 180 gradi, dal...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    11 Giugno 2019 - 15:03

    Leggevo di Lula. Il soccorso s'è messo in moto. Lo mettiamo tra i benedetti che hanno imparato dai propri errori?

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    11 Giugno 2019 - 15:03

    È merito intellettuale aver capito. Bene. Diamolo per scontato, non mettiamolo nella bacheca delle sue aguzze provocazioni paradosse. Resta il fatto che ciascuna delle due visioni politiche e sociali, Adam Smith e Karl Marx hanno un senso solo se impostate sulla reciproca perenne conflittualità. La socialdemocrazia è stata il tentativo più riuscito di convivenza tra i Due. S’è però consumata nella ineludibile necessità della conflittualità. Il Riformismo, pure. Ammirevole, encomiabile lo sforzo del pensiero di creare un’armonia feconda. Ma la vita, in senso omnicomprensivo, vive sulle disuguaglianze. Non dobbiamo mai cessare di pensare che la composizione dell’ambaradan della vita non trovi la sua quadra. Giusto che il Pensiero si spenda in tal senso. Semper ultra dimidium.

    Report

    Rispondi

Servizi