cerca

Analisi della mozione Zingaretti

Le parole chiave sono “unità” e “discontinuità”, ma i contenuti? 

13 Gennaio 2019 alle 06:00

Analisi della mozione Zingaretti

Il candidato alla segreteria del Pd Nicola Zingaretti (Foto LaPresse)

La questione potrebbe dirsi in una battuta: a far danni si guadagna. Il consenso del governo gialloverde non risulta, almeno per ora, indebolito da una manovra che pure è strategicamente recessiva, perché non inverte nessuno dei fattori del declino italiano; maldestramente elettorale, perché non accontenta tutti, anzi penalizza una parte del ceto medio e apre nuove divisioni nel paese; politicamente impegnativa, perché ipoteca con l’indebitamento e con le clausole di salvaguardia l’agibilità dei governi che verranno. Il fenomeno lo ha...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • eleonid

    13 Gennaio 2019 - 13:01

    Quando le proprie idee sono confuse , il politico di oggi si affida al popolo. Questo mi sembra il principale dato di fatto. D'altra parte si viene eletti per rappresentare il popolo e quindi quale migliore alibi per giustificare il proprio operato. C'è però un appunto da sollevare nell'applicazione di questo assunto. Che il mandato si riceve sulle promesse ipotizzate in un documento elettorale , mentre l'azione di governo che ne consegue si deve fare sulle risorse finanziarie realmente disponibili. Stando allo stato dell'arte che prefigura la manovra del governo sembrerebbe che quanto ipotizzato con le promesse non riscontri una realistica fattibilità, ma il popolo continua a crederci. Ed allora che tipo di strategia rimane da implementare al PD dopo la sonora batosta elettorale? Certo è che valutazioni troppo rigorose non troverebbero non solo comprensione ma neanche l' ascolto del popolo ancora appeso alle promesse. Vedo difficile per il PD un recupero precoce a breve.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    13 Gennaio 2019 - 12:12

    Zingaretti è una nuvoletta ,basterà un refolo di vento per portarlo via. Ha solo una dentiera invidiabile e pochi e confusi pensieri molto elastici che allunga e accorcia a paciere. Zum ,zum !

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    13 Gennaio 2019 - 12:12

    Zingaretti. Dopo XX secoli gli uomini di buona volontà si sono accorti che il paradiso non esiste .Marx ha mutuato dal cristianesimo il paradiso comunista e gli uomini si sono accorti che non esiste. Due evangeli che si sono affermati nel mondo con due chiese ma il cristianesimo ha compiuto infinite malefatte ( Vaticano) ma ha seguito il motto fanfaniano " chi la fa la copra" ,il comunismo racconta il Foglio ha provocato 100 milioni di morti tutti in bella mostra.

    Report

    Rispondi

Servizi