cerca

La Scala accoglie Mattarella con un lungo applauso. Più lungo del solito

Il presidente della Repubblica assoluto protagonista della Prima. Assente Salvini che preferisce andare da Barbara D'urso a Pomeriggio Cinque 

7 Dicembre 2018 alle 19:35

Era la sua prima volta alla Prima della Scala, e la Scala lo ha accolto con i dovuti onori. Più di quattro minuti di applausi per il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Ed è difficile non pensare che, quegli applausi, siano anche un segnale che Milano ha voluto inviare a Roma. Dopotutto quella di quest'anno è una Prima particolare. In scena, diretto da Riccardo Chailly con la regia è di Davide Livermore, l'Attila di Giuseppe Verdi. Un richiamo velatissimo ai “barbari” che lo scorso 4 marzo sono arrivati a Roma e si sono presi Palazzo Chigi. 

  

   

Non a caso il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, intervistato prima dell'inizio, commenta: “Il sogno dei barbari rimane l'autonomia”. Ma alla Scala di Milano a dire il vero, di “barbari” non ne sono arrivati. Il governo, per la stragrande maggioranza, si è tenuto lontano dalla Prima. Presenti il ministro dei Beni Culturali, Alberto Bonisoli, e quello dell'Economia, Giovanni Tria, che ha preferito la lirica al voto di fiducia sulla Manovra in corso a Montecitorio (e nonostante le rassicurazioni di Luigi Di Maio che ha smentito la indiscrezioni sulle imminenti dimissioni del collega, vorrà pur dire qualcosa).

   

Matteo Salvini, quasi per marcare in maniera netta la sua distanza dalla platea milanese, ha preferito accomodarsi nel salotto tv di Barbara D'Urso. E, da lì, ha commentato le proteste dei centri sociali andate in scena fuori dal teatro: “Alla prima della Scala ci sono i soliti cretini dei centri sociali che hanno lanciato uova e ortaggi contro i poliziotti: dovrebbero sciacquarsi la bocca perché quei ragazzi rischiano la vita per 1.200 euro al mese. Spero che passino qualche giornata in galera”.

 

Il principale obiettivo del corteo, in realtà, era proprio il ministro dell'Interno. Che forse anche per questo ha preferito non presentarsi a Milano. La platea della Scala non sembra aver sentito la sua mancanza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gabriele.gab.monti

    11 Dicembre 2018 - 14:02

    e lui ha benedetto?

    Report

    Rispondi

  • kmt.rossi

    07 Dicembre 2018 - 21:09

    L' applauso a Mattarella ha un chiaro significato politico. Milano ha detto da che parte vuol stare. Grande Milano. No ai cialtroni

    Report

    Rispondi

Servizi