cerca

Alla sinistra serve McDonald’s

“La sinistra da sempre deve rappresentare gli ultimi ma ha confuso gli ultimi”. Il Pd? “Fa il Congresso su Twitter, basta”. I talk-show? “Fondamentali”. Parla Andrea Salerno (La7)

10 Ottobre 2018 alle 06:09

Alla  sinistra  serve McDonald’s

Foto LaPresse

Barnum Café, via del Pellegrino, lunedì pomeriggio. Un tempo, quando c’era ancora “Gazebo” e andava in onda su RaiTre, Andrea Salerno e Makkox si trovavano qui la mattina alle nove a prendere un caffè e fare le riunioni per la trasmissione. Era una sorta di ufficio. E’ passato un po’ di tempo, il mondo intorno è cambiato. Ora “Gazebo” si chiama “Propaganda”, è su La7 e Salerno non è più solo un autore televisivo ma il direttore della rete –...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • CohleandHart

    10 Ottobre 2018 - 12:12

    senza offesa ma il foglio non può non sapere che costui è stato il primo facitore del populismo. come sostiene giustamente questo giornale il populismo nasce dalla demonizzazione di berlusconi cioè da quel c.d. "antiberlusconismo" - ovviamente fondato sulla superiorità antropologica - che salerno ha perfettamente incarnato e propalato nel suo VENTENNIO a raitre in tandem con serena dandini. ve ne elenco solo alcuni: 1) L'Ottavo nano; 2) Il Caso Scafroglia, 3) Non c’è problema; 4) Raiot, 5) Parla con me; 6) La Superstoria; 7) The show Must go off. ora è quantomeno inutile andare da lui senza chiedergli la sua responsabilità nel generare culturalmente la situazione attuale. abbiate pazienza ma i lettori del foglio sono leggermente superiori alla media anche quanto alla "memoria storica" e alla responsabilità di raitre/salerno/skofic/dandini/guzzanti della costruzione dell'antipolitica attuale. oppure era satira? no dài. il prossimo chi è? chiambretti e i "socialisti ladri"?

    Report

    Rispondi

  • stearm

    10 Ottobre 2018 - 11:11

    Andrea Salerno, Carlo Freccero... chi rappresentano loro? Il mondo dell'intrattenimento. Nulla più. Dovrebbero essere veramente gli ultimi a parlare, altro che sinistra. Poi pure questa 'sinistra', ovvero quella nazionalpopolare che fa audience attratta da programmi disinformativi? Quelli a cui devi raccontare che le banche sono il male assoluto? Questa non è sinistra, è ignoranza. L'ignoranza su cui puntano gli Andrea Salerno e i Carlo Freccero, perchè è quello il loro target televisivo. E preferisco sorvolare sull'apoteosi della disinformazione nazionalpopolare, ovvero Report. Io sono di sinistra e penso che Marx ha scritto troppo e male. C'è pure questa di 'sinistra' da almeno 100 anni (in realtà da prima di Marx). Chiamatela come vi pare, chiamatela pure finta sinistra, ma ripetere le scemenze di Marx o di Rosa Luxembourg sulle banche, sulla finanza, le stesse che poi furono riciclate dai fascisti e dai nazisti, non vuol dire essere di sinistra, vuol dire essere psicolabili.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    10 Ottobre 2018 - 10:10

    La 7 nei suoi programmi c.d.politici è una sorta di retrobottega di una antica sezione del Pci . Alcuni hanno messo l'abito della domenica altri ( propaganda live) paiono una parodia dei ragazzi di vita di Pasolini. Supponenza intellettuale esibita ,la solita alterigia ( Marco da Milano , Mentana) ,superiorità intellettuale sinistra . 8emezzo gemellato con il Fallo Quotidiano . Travaglio eterno Pontifex maximo .Altri vecchi arnesi del Pci , sempre a far godere Gruber.Vabbè in qualche modo danno lezioni a Rete4 con l'isterie di Mario Giordano o le caciarate ,da qualche tempo,senza capo e coda della Palombelli che di suo come giornalista è bravissima. Certo che la tiv politica in prima e seconda serata è un tormentone soap opera. E sto Salerno a La7 se dirige non si vede. e molto di altro.

    Report

    Rispondi

  • leobrun

    10 Ottobre 2018 - 09:09

    Tutto chiarissimo, ma pensiamo veramente che qualcuno degli attuali dirigenti e capi corrente del PD possano cambiare? non lo credo perché ognuno di questi spera nel ritorno di un passato che non tornerà. Solo dalle sue ceneri il PD potrà risorgere.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi