cerca

Non lasciate l’opposizione allo spread

Perché il partito delle monetine populiste va affrontato con l’orgoglio del partito della moneta unica

21 Agosto 2018 alle 06:00

Non lasciate l’opposizione allo spread

Foto LaPresse

In fondo oggi la scelta è più che mai chiara: stare dalla parte di chi difende le monetine o stare invece dalla parte di chi difende la nostra moneta? A prima vista può sembrare una forzatura, ma se ci si riflette un istante la principale divergenza tra l’aggressione alla vecchia classe politica andata in scena nell’inverno del 1993 a colpi di forconi travestiti da monetine e l’aggressione alla vecchia classe politica andata in scena in queste ore a colpi di monetine travestite da fischi ai funerali di stato riguarda un dettaglio che coincide con la differenza tra la moneta presente ieri e quella presente oggi.

   

Tra il 1992 e il 1993, la furia anticasta alimentata dallo tsunami di Tangentopoli venne domata da un governo d’emergenza nato per affrontare una crisi economica e far muovere all’Italia i primi passi verso l’euro. Venticinque anni dopo, la furia anticasta alimentata dallo tsunami del rancore populista potrebbe presto innescare un processo di senso opposto se non troverà sulla sua strada un fronte politico capace di domare la rabbia sfascista con una difesa credibile dei valori non negoziabili che si nascondono dietro l’unica parola che oggi può mettere in mutande il partito delle monetine: l’euro. Se si ragiona sul tema senza superficialità, si capirà facilmente che il motivo per cui gli azionisti del governo hanno deciso di fare del processo al passato il principale tratto identitario della propria proposta politica è legata alla necessità di creare nell’immaginario di ogni elettore l’illusione che possa esistere un fronte unico del complotto contro gli interessi dei cittadini italiani che parte dalle opposizioni, che sfiora le élite e che arriva fino all’Europa. La creazione di un fronte unico del complotto è un’arma retorica che deve possedere inevitabilmente ogni governo intenzionato a usare di fronte a un problema più la carta del capro espiatorio che la carta della soluzione. Ma se ci si riflette bene nell’approccio scelto da Salvini e Di Maio per affrontare il caso di Genova l’elemento che suscita maggiore preoccupazione non riguarda la violenza del messaggio dei populisti ma riguarda la debolezza del messaggio degli avversari. La difficoltà con cui i due maggiori partiti d’opposizione hanno cercato senza riuscirci qualcosa da dire nelle ore immediatamente successive al dramma di Genova è la spia di un problema più grande che riguarda una partita che sul futuro del paese potrebbe pesare più dello spartiacque emotivo del ponte Morandi. Per dirla in modo brusco: ma se Pd e Forza Italia non hanno la forza di evidenziare lo sciacallaggio compiuto dagli azionisti di governo sul crollo del ponte Morandi con quale forza potranno contrapporsi a uno sciacallaggio simmetrico che potrebbe essere messo in campo nei prossimi mesi in caso di crisi finanziaria del nostro paese?

  

Due giorni fa il Wall Street Journal ha ricordato che da qui al prossimo autunno le politiche scellerate del nostro governo potrebbero diventare una miccia capace di far crollare l’affidabilità dell’Italia, di mettere in fuga capitali dal nostro paese e di far esplodere improvvisamente l’Eurozona e la ragione per cui mai come oggi sarebbe importante avere una doppia opposizione interessata a costruire un’alternativa alla repubblica populista senza utilizzare la grammatica dei troll è nascosta in un passaggio molto importante contenuto nella relazione offerta qualche settimana fa alle commissioni delle politiche comunitarie di Camera e Senato dal ministro Paolo Savona. “Se a settembre a seguito del comportamento delle agenzie di rating partisse un’operazione speculativa, non fondata sul fatto che l’economia italiana sta peggiorando evidentemente noi dovremmo trovare un’alternativa. Un’alternativa interna, se qualche Paese si associa con noi o esterna, e questo sarebbe un fatto più delicato… La Russia è in grado di fare questo? Io ritengo che non abbia abbastanza soldi per fare questo tipo di operazioni, anche se vi ho detto che i soldi non servono: basta che esista la garanzia”. Non si sa cosa succederà a settembre e non si sa se le agenzie di rating trasformeranno in un declassamento ufficiale dell’Italia il crollo della fiducia registrato negli ultimi mesi nel nostro paese. Ma sappiamo che di fronte a un esecutivo che si sta esplicitamente preparando ad affrontare con tutti i mezzi a disposizione l’arrivo del cigno nero nessuno può permettersi di lasciare al solo spread lo spazio per fare opposizione all’estremismo di governo. Il partito delle monetine si sfida facendo rivivere il partito dell’euro, mettendo in campo con congressi immediati e primarie non più rinviabili i volti dell’alternativa possibile, rinunciando a rispondere al populismo con un surplus di moralismo e mostrando con chiarezza i rischi che può correre un paese ponendo sotto processo i valori non negoziabili dell’apertura, del mercato, del buon senso europeista. Ma se le opposizioni non troveranno un modo per mostrare vitalità i fischi teleguidati di Genova diventeranno il simbolo di un tracollo non meno pericoloso di un ponte che va giù: il collasso progressivo dell’alternativa allo sfascismo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • albertoxmura

    21 Agosto 2018 - 18:06

    Le agenzie di rating fanno il loro mestiere, nell'interesse dei loro clienti, cioè degli investitori. Il governo sa di tenere una condotta che accresce il rischio dell'investimento negli asset italiani e dei titoli pubblici di credito. Per questo si aspetta un declassamento dell'Italia e sta già mettendo le mani avanti, diffondendo in anticipo teorie complottistiche, per poter poi dire: "ve lo avevamo detto che stavano complottando contro di noi". In realtà sembra quasi che i governanti, con la loro irresponsabile condotta, siano alla ricerca del cigno nero. O, perlomeno, non stanno facendo nulla per evitare che esso compaia sulla scena dei mercati finanziari. La nazionalizzazione delle autostrade "senza attendere i tempi della giustizia" è l'ultima trovata destabilizzante che, unitamente al reddito di cittadinanza e la flat tax, potrebbe dar luogo a una miscela esplosiva, che porterebbe alla rovina un paese che stava, sia pure faticosamente, rialzando la testa.

    Report

    Rispondi

  • DBartalesi

    21 Agosto 2018 - 14:02

    Vero, dietro il triste relitto del ponte crollato si staglia un cielo cupo. E i fischi in chiesa alla "vecchia classe politica" sono parte di questo orizzonte di rabbia cieca. Come pure il fastidio contro i Dottori, tutti. Siano essi i medici per i vaccini, gli esperti di economia per moneta unica e spread, i padri della costituzione o del diritto politico, della politica che fu. Vale più il discorso a braccia, a volte sgrammaticato, di un nuovo capo popolo di quello di un Dottore. Apprezzato è anche lo sbocco di rabbia che dal basso arriva alla bocca di chi oggi ci rappresenta, perchè ci rappresenta al nuovo con le nostre parole e i sentimenti, senza più un'intermediazione "scientifica". Siamo insomma a constatare un linguaggio contro la politica usato dai nuovi politici, e il suo alto gradimento. Il fascismo si annunciò con simili parole e atteggiamenti, e i cambiamenti allora rivoltarono da cima a fondo il secolo trascorso. Fare opposizione. Per ora solo una parola, forse già usata.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    21 Agosto 2018 - 13:01

    Caro direttore - Sbrigativamente: la democrazia non esclude la dittatura della maggioranza legittimamente scelta dagli elettori e, bla, bla a non finire. La democrazia rappresentativa, non la Dd, ha la valvola di sicurezza delle elezioni successive che possono ribaltare la situazione. Questo a patto ci sia o si formi una maggioranza alternativa. Il dramma nostro è che questa maggioranza alternativa, non solo non c'è, ma neppure la s'intravede. Tutta manna del cielo per la legittima maggioranza dittatoriale. O ci diamo una mossa, come ho scritto a Bordin, o lo spread ci consegnerà nelle mani della Troika. Nel 2011 una maggioranza alternativa esisteva, in Parlamento e nel Paese. Oggi? Solo una squallida, politicamente oscena lotta tra quelli che dovrebbero essere il seme e il nucleo dell'alternativa. Bisogna insistere sulle mire dittatoriali antidemocratiche della maggioranza al governo. Questo obbliga a scegliere: o Di Maio o Salvini. Passare cioè dalle chiacchiere alla politica..

    Report

    Rispondi

    • stearm

      21 Agosto 2018 - 14:02

      La democrazia esclude la dittatura della maggioranza perchè la democrazia può anche autosospendersi nella sostanza anche se poi la morte formale può essere rimandata ad un futuro prossimo. Hitler vinse le elezioni e la democrazia finì in quel preciso momento. Kelsen-Schmitt e tutti i post-marxisti (fino ad Agamben e Zizek) sono dei cattivi maestri o meglio sono più o meno esplicitamente nemici della democrazia rappresentativa. La democrazia non è solo una procedura elettorale, nè un insieme di regole.

      Report

      Rispondi

  • stearm

    21 Agosto 2018 - 13:01

    Il segno più evidente della fine della democrazia è quando l'unico argomento di conversazione diventano i difetti dell'opposizione. Se il tema della politica è l'opposizione, si è entrati già di per sè in un regime. Opporsi allo sciacallaggio complottista? Certo, ma come? E' come prendersela con una vittima di bullismo. L'inconcludente Annunziata addirittura consigliava l'opposizione di farsi linciare dalla folla ai funerali di Stato. Anzi non li consiglia, li chiama direttamente conigli. Se fosse così facile opporsi al populismo in determinate fase storiche, adesso in Europa ci sarebbero all'incirca una decina di milioni di ebrei. Il bullo è bullo proprio perchè può colpire la vittima impunemente. Peggio del bullo, che alla fine è un povero disgraziato, ci sono quelli che gli regalano l'impunità. Che dovrebbe fare la vittima? Trasformarsi lui in bullo? Ha senso dare dei consigli a chi viene etichettato come coniglio? L'opposizione in democrazia si difende, non si bullizza.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi