Dove sta la differenza tra Trump e Salvini

Tra uno sbrasone globale e un piccolo bullo c'è la stessa distanza che esiste tra il fare e il chiacchierare

11 Luglio 2018 alle 20:09

Dove sta la differenza tra Trump e Salvini

La foto di Salvini e Trump appesa sulla bacheca nell'ufficio della Lega a Varese (foto LaPresse)

Trump è un impostore, un uomo infido, un petulante narcisista, uno che ha come progetto permanente la divisione dell’America su linee di guerra civile, la divisione dell’occidente e della Nato a favore di Putin perché costa meno e rende qualcosa (“e vissero infelici perché costava meno” è una classica battuta sul micragnoso modo di vivere di certuni tra i piccolissimi borghesi, anche billionaire), cerca la rottura del libero commercio internazionale per agitare il segnacolo dell’America First a quegli ossessionati dei...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • MR1960

    12 Luglio 2018 - 18:06

    Gli è che sto Trump ne ha stesi più lui del grande Clint con la sua Colt negli indimenticabili film di Sergio Leone: "Al cuore Julien! al cuore! altrimenti non riuscirai a fermarmi!". Appassionata rievocazione della battaglia di Valle Giulia, prossimamente su questi schermi.

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    12 Luglio 2018 - 10:10

    Ci dica Ferrara, una volta per tutte, chi sarebbero gli amici dell'Italia nel contesto immigrazione. Forza. La Francia? La Germania? La Spagna? Cosa hanno fatto per agevolare il contenimento degli sbarchi nel nostro paese? Nada de nada, anzi, prendiamo i clandestini e portiamoli a Pozzallo o dove volete voi, purché in Italia (e qui c'entra molto anche Renzino, che per sforare sulle mance elettorali contrattò sugli sbarchi). Per quanto riguarda la dipendenza tedesca dal gas russo ha già risposto un altro lettore. Curioso che la Germania voglia il mantenimento delle sanzioni alla Russia e poi costruisca un gasdotto a suo personale uso e consumo con la stessa. Ah già, ma da quelle parti sono tutti statisti.

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    12 Luglio 2018 - 02:02

    Ci fosse un’opposizione seria! Meglio non citare la sinistra. Quanto a Forza Italia, pare che il problema piu’ urgente sia la legittima difesa. Gelmini dixit.

    Report

    Rispondi

  • giusgiand

    11 Luglio 2018 - 23:11

    Dal fact checking del NYT di oggi (11 Luglio): “Nearly half (50%) of the natural gas flowing through pipelines into Germany last year came from Russia. Natural gas is the fuel where Germany’s proportion of imports from Russia is highest: it’s about 40% for crude oil, and about 30% percent for coal”. Con il Nord Stream 2 è sicuro che si arriverà, come minimo, al 60%. Trump ha ragione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi