cerca

Salvini e il sogno di una grande alleanza populista europea

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli di Le Monde, Financial Times, The Guardian, New York Times, Washington Post, Bloomberg, Les Echos ed El Pais

2 Luglio 2018 alle 09:20

Salvini e il sogno di una grande alleanza populista europea

Matteo Salvini a Pontida (foto LaPresse)

Italia: a Pontida il ministro Salvini lancia la Lega delle Leghe europee

Parigi, 2 lug - (Agenzia Nova) - Il ministro dell’Interno italiano, Matteo Salvini, ha lanciato una “Lega delle Leghe in Europa” che unisca i movimenti che “vogliono difendere le loro frontiere”. Lo riferisce “Le Monde” parlando del raduno annuale della Lega che si è tenuto ieri a Pontida. Secondo Salvini, le elezioni europee del 2019 saranno “un referendum contro le elite, il mondo della finanza e quello del precariato”. Grazie al suo doppio ruolo di vice-premier e ministro, Salvini è riuscito ad imporre in Europa il tema dell'immigrazione. Secondo il titolare del Viminale le ong sarebbero complici degli scafisti. Posizioni che hanno provocato tensioni con la Francia. Salvini ha consigliato al presidente Emmanuel Macron di “lavarsi la bocca perché l’Italia ha fatto molto più dei francesi che continuano a respingere persone a Ventimiglia”.

 

Continua a leggere l'articolo di Le Monde

 


 

Italia, Matteo Salvini vuole creare un'alleanza populista in Europa

Londra, 2 lug - (Agenzia Nova) - Il ministro dell'Interno e vice-premier dell'Italia, Matteo Salvini, ha dichiarato che le elezioni europee che si terranno nel 2019 saranno l'opportunità per fondare una "alleanza internazionale dei populisti" e battere la "Europa delle elite": è questo il principale messaggio che, secondo il quotidiano "The Financial Times", Salvini ha lanciato ai sostenitori del suo partito di estrema destra nel corso dell'annuale raduno estivo di Pontida, la località in Lombardia considerata come la "casa spirituale" della Lega. E' a questa prossima battaglia politica, scrive il giornale economico britannico, che Salvini si sta preparando dopo essere arrivato al potere in Italia in seguito alle elezioni dello scorso mese di marzo, dopo aver praticamente assunto la guida del governo di Roma ed essersi già dimostrato come uno dei più dirompenti politici d'Europa, sfidando la Commissione di Bruxelles e diverse capitali di paesi Ue su tutta una serie di grandi questioni, dalle regole economiche all'immigrazione e fino alla politica estera. "Le elezioni europee del prossimo anno", ha detto il leader della Lega, "saranno un referendum tra l'Europa delle elite, delle banche, della finanza, dell'immigrazione e del lavoro precario, contro l'Europa dei popoli e dei lavoratori: il nostro progetto", ha proseguito Salvini, "consiste nel creare una alleanza internazionale dei populisti, un termine che per me è un complimento. Io credo che conquisteremo la maggioranza" al Parlamento europeo di Strasburgo, ha predetto. La Lega, ricorda il corrispondente da Roma James Politi del "Financial Times", ha forgiato legami con una notevole varietà di personalità politiche europee di estrema destra, da Marine Le Pen in Francia al partito Alternativa per la Germania (AfD); fuori dell'Ue, Salvini ha costruito strette relazioni con il partito Russia unita del presidente Vladimir Putin così come con Steve Bannon, l'ex influente consigliere del presidente Usa Donald Trump. Benché abbia accantonato le sua vecchia rivendicazione di far uscire l'Italia dall'euro, Salvini ha continuato a provocare e ad attaccare i leader Ue per le decisioni che, a suo dire, collidono con gli interessi del popolo italiano: un assaggio della campagna per le elezioni europee, commenta James Politi sul "Financial Times". Gli ultimi sondaggi indicano che la Lega sarebbe ormai diventato il partito più popolare in Italia, eclissando il partito anti-sistema Movimento 5 stelle (M5s), suo partner nella coalizione di governo; ed in segno della sua sicurezza, Salvini ha detto alla folla di sostenitori radunati a Pontida che il partito si avvia ad una lunga era al potere: "Governeremo l'Italia per i prossimi 30 anni, perché l'Italia ora non ha più paura di niente", ha concluso il leader della Lega.

 

Continua a leggere gli articoli del Financial Times e del Guardian

 


 

Italia: il leader della Lega Salvini fa appello all'unità delle forze populiste europee

New York, 2 lug - (Agenzia Nova) - Matteo Salvini, ministro dell'Interno del nuovo governo italiano e leader della Lega, ha rivolto un appello a tutte le forze di orientamento identitario ed euroscettico europee affinché uniscano le forze alle prossime elezioni europee, così da imprimere una svolta alle politiche dell'Ue dall'interno delle sue istituzioni. Durante l'annuale festa della Lega di Pontida, Salvini ha dichiarato che i populisti sono pronti a governare l'Italia "per i prossimi 30 anni", ha dichiarato che le prossime consultazioni europee saranno un referendum sull'immigrazione e proprio a questo proposito ha rivolto alle altre forze "populiste" europee l'appello a una "Lega delle leghe": "Per vincere abbiamo unito l'Italia, ora dovremo unire l'Europa", ha detto il ministro. 

 

Continua a leggere gli articoli del New York Times e del Washington Post

 


 

"Bloomberg": il nuovo governo italiano ha messo efficacemente in crisi l'establishment europeo

New York, 2 lug - (Agenzia Nova) - I populisti "di tutto il mondo" farebbero bene a studiare le tattiche di successo del nuovo Esecutivo italiano guidato dal premier Giuseppe Conte. A sostenerlo è un editoriale di "Bloomberg" che giudica un successo per l'Italia l'esito del Consiglio europeo della scorsa settimana. L'agenzia economica spiega così la strategia di Roma: il governo italiano ha scelto con cura l'immigrazione come terreno di battaglia con l'establishment europeo, sfruttando le divisioni interne già presenti nel Vecchio continente. In questo, scrive "Bloomberg", il nuovo governo di Roma è stato ben più accorto ed efficace, ad esempio, del governo di sinistra greco di Alexis Tsipras, che invece si è schiantato con una solitaria sfida sul fronte del rigore di bilancio. In secondo luogo, Roma ha "dettato l'agenda", grazie anche allo scontro politico di alto profilo con la Francia, ma soprattutto con misure e dichiarazioni a sorpresa, in aperto contrasto con la norma delle posizioni europee. Il presidente francese Emmanuel Macron "ha fatto il gioco di Conte" con i suoi insulti diretti al governo della penisola. In terzo luogo, prosegue "Bloomberg", Roma ha formulato una "minaccia credibile", ventilando l'ipotesi di un veto alle decisioni dell'ultimo summit Ue. In ultimo luogo, l'Italia ha dato prova di flessibilità con l'accordo emerso dal Consiglio. "Bloomberg" conclude citando Guntram Wolff, del think tank belga Bruegel, secondo cui la "strategia d'urto" del nuovo governo italiano difficilmente sarà sostenibile a lungo termine, dato il suo costo "in termini di credibilità politica". Tuttavia, scrive "Bloomberg", entro il prossimo summit europeo di settembre, l'Italia potrebbe essere chiamata a condurre una nuova lotta: quella relativa al suo bilancio per il 2019. 

 

Continua a leggere l'articolo di Bloomberg Business Week

 


 

Immigrazione: l’Italia non può dirsi soddisfatta dei risultati dell’ultimo Consiglio europeo

Parigi, 2 lug - (Agenzia Nova) - Nel corso dell’ultimo Consiglio europeo l’Italia non è riuscita a far valere le sue richieste in tema di migranti. “Les Echos” scrive che Roma ha addirittura dovuto fare un passo indietro visto che la ripartizione avverrà su base volontaria. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, aveva inizialmente minacciato di porre un veto sul testo finale, ma alla fine ha firmato un documento che contiene dei “magri” risultati per il suo paese. Secondo il quotidiano economico, l’Italia “deve essere delusa” dal risultato del vertice. Il gruppo di Visegrad, nonostante sia stato preso come esempio dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini, rappresenta il principale ostacolo alle rivendicazioni italiane. “Non ho fiducia in Macron e Merkel” ha detto Salvini, aggiungendo che si aspetta “atti concreti”. 

Continua a leggere l'articolo di Les Echos

 


 

Italia, “El Pais”: la Lega è un progetto trumpista con aroma mediterraneo

Madrid, 2 lug - (Agenzia Nova) - Un sondaggio pubblicato dal Corriere della Sera rileva che, se si votasse oggi, la Lega di Matteo Salvini otterrebbe il 31 per cento dei consensi, 14 punti percentuali in più rispetto ai voti ottenuti nelle elezioni del 4 marzo, ovvero quanto basta per certificare il sorpasso del Movimento 5 Stelle, suo alleato di governo. Lo scrive il quotidiano “El Pais”, definendo il partito come “un progetto trumpista con aroma mediterraneo che pianifica la sua espansione in Europa”. “Penso a una Lega delle leghe in Europa che includa tutti i movimenti liberi e sovrani che vogliano difendere le proprie frontiere e il benessere dei propri figli”, ha infatti dichiarato Salvini in occasione del raduno a Pontida che ha offerto ai militanti un cocktail di nazionalismo, calo delle tasse e slogan antiestablishment. 

 

Continua a leggere l'articolo di El Pais

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi