Nato senza camicia

I ruggiti di Trump sono “una tattica per ottenere una giusta riforma della Nato”, ci dice un diplomatico di peso

12 Luglio 2018 alle 06:00

Nato senza camicia

Donald Trump (foto LaPresse)

Roma. Per usare l’immagine quasi montaliana concepita da un giornalista di Fox News, Donald Trump è partito por sorvolare il vertice della Nato a Bruxelles “come un gabbiano che defeca su tutto, starnazza e se ne va”, e gli attacchi agli alleati “insolventi”, l’accusa alla Germania di essere “totalmente controllata dalla Russia” per via della dipendenza energetica, i “must pay immediately” su Twitter e il roboante raddoppio della quota di pil che i membri dovrebbero spendere per la difesa (dal...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    12 Luglio 2018 - 09:09

    Il problema della Nato è uno solo: così come è strutturata questa istituzione serve a poco, ovvero solo per le poltrone. Quanto agli Usa hanno ragione: more solito l'Europa è sempre restia a schierarsi, vedi vicenda Turchia, anche solo come presa di posizione.

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      12 Luglio 2018 - 12:12

      Non è l'Europa, è la Germania. Secondo lei se la Lituania o l'Estonia invocassero l'articolo 5, la Germania manderebbe truppe. Io dico di no.

      Report

      Rispondi

      • branzanti

        12 Luglio 2018 - 13:01

        Gentilissimo secondo Lei gli americani le invierebbero?

        Report

        Rispondi

Servizi