cerca

La riaffermazione della verità contro il “trentennio” sovranista

Niente mobilitazione, niente fantasia. Gli intimiditi sono timidi ma il caudillismo italiano è pericoloso: va smascherato

3 Luglio 2018 alle 06:17

La riaffermazione della verità contro il “trentennio” sovranista

Matteo Salvini (foto LaPresse)

Berlusconi non minacciava un tubo, veniva dal pentapartito, fu subito attenzionato (come si dice) dai pm golosi di supplenza politica, riformò il linguaggio nel segno della libertà e di un amor patrio femminile, soave, introdusse il maggioritario incarnandolo, prometteva mirabilie liberali e un paese accogliente per chi investe lavora e si rende produttivo, rese potabili e costituzionalizzati i neofascisti, che cambiarono nome immantinente, e i leghisti di Bossi, che erano ruvidi ma sani, e federalisti come si diceva allora, diede voce lui sì a un popolo di imprenditori che non esisteva o non aveva voce. Quanto all’Europa e alla politica estera, nessun cambiamento strategico, voleva piacere e fare le cose di sempre che avevano reso prospera la nazione indebitata tra le nazioni, il governo sempre traballante tra i governi dell’Unione eccetera. Eppure un minuto dopo la sua vittoria del 1994, anzi un minuto dopo la sua entrata in lizza politica, era l’Uomo Nero, era l’inaffidabile, il traditore delle buone sane vecchie abitudini della Repubblica, uno sdoganatore di fascismo e autoritarismo e conflitti di interessi da abbattere. Ora Wolfgang Münchau del Financial Times è un tipo dalle reazioni nervosette, ma se parla di “un’Europa come la Repubblica di Weimar” e attribuisce alla mancanza di paura di Salvini la massima responsabilità della turbolenza presente, bè, una ragione dalla sua ce l’ha.

  

Salvini non promette né ottimismo né bellurie, minaccia sfracelli e gasa un’idea posticcia ma di successo di popolo e populismo, si bea del suo successo presuntivo di uomo forte, ha un linguaggio del corpo che è il ritratto del caudillismo all’italiana, annuncia un regime di trent’anni, il trentennio, vuole dominare su istituzioni, leggi, convenzioni, a partire da quella del mare, ma non per la faccenda inaudita e gonfiata dei migranti invasionisti, piuttosto per scuotere e svellere il progetto europeo dalle fondamenta, avviando una dinamica di conflitto con le nazioni confinanti, di intromissione penosa e subalterna negli affari dei tedeschi, cercando con il lumicino della rissa autarchica e isolazionista ogni occasione di destabilizzazione: guarda con occhio orbo al Mediterraneo per centrare con precisione l’obiettivo a Bruxelles, a Parigi, a Berlino, in perfetta sintonia con Mosca e i suoi interessi, a cui si è legato in vario modo da tempo. E per far questo non mancano i fake, le sparate contro l’ebreo coi soldi Soros, contro la Coca Cola e il suo marketing, i froci gli zingari e i negher, e non ci si risparmia l’appropriazione indebita, cioè il furto, di vangelo e rosario, che stavano un tempo nelle mani dell’illuminismo cristiano di un Ratzinger e sono finiti stritolati tra le dita pseudodevozionali di politici e faccendieri esperti di cinismo religioso e ampollosi simboli che luccicano di disgrazia e integrismo.

 

Eppure non si muove una foglia. L’intervista di Zingaretti era piena di belle idee, ma dopo un reverente passaggio di ringraziamento a Salvini, che aveva concesso un placet benevolo al radicamento territoriale del presidente del Lazio e candidato Pd, ecco che lo stesso Zingaretti del ringraziato diceva, tre righe dopo, per descriverlo: xenofobo, autoritario, razzista della peggiore destra. 

 

Non si ringrazia uno così, mi pare. E ha ragione Francesco Cundari a dichiararsi contrario a un’opposizione omeopatica: o è vero che ci sono un’invasione e la miseria dilagante oppure no, nel primo caso si devono fare i conti con le ragioni dei nuovi potenti, nel secondo bisogna contrastarli con durezza e radicalità antagonista allo scopo essenziale di ristabilire la verità dispersa. Invece niente. Non arrivano i segni, i segni famosi dei tempi. Il tempo della resistibile ascesa vola, e niente belle né mediocri bandiere, salvo le benedette solite sventolate nei gay pride, niente mobilitazione, unificazione, niente fantasia per definire un perimetro chiaro, a parte le buone idee di qualcuno, entro cui riorganizzarsi a partire dalla volontà di riscossa e di riaffermazione della verità. Abbiamo voglia a ripetere che non dura, che i mercati e le circostanze internazionali li puniranno presto, che non combinano gran che e quel che combinano fa pena, abbiamo voglia a rispolverare dati e grafici sulle immigrazioni, sul lavoro, sugli effetti del Jobs Act, sull’occupazione femminile, intanto si consolida la logica ferrea dell’intimidazione, perché gli intimiditi sono timidi, una volta è il porto un’altra volta è la Rai o Mediaset, e la stampa naturalmente è come per Trump e Putin nemica del popolo. E niente di serio si muove, si dice che “siamo un’altra cosa” ma non siamo alcunché, un appello di professori indignati è benvenuto ma ha un valore circoscritto, una caratura ripetitiva, stanca, gli arabeschi del Congresso Pd sono incomprensibili senza lo sfondo di un’identità combattiva e da rassemblement, e stiamo lì a cavillare sulle opinioni di Rita Pavone e di Claudio Amendola, e non c’è straccio di persona, di maschera adatta alla recita del dramma, moderno quanto antico, capace di fare le smorfie giuste, di gettare il disprezzo della accanita vocazione alla dominazione, di significare rivolta e disgusto, altro che indignazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    11 Luglio 2018 - 23:11

    "Il caudillismo italiano va smascherato"? Chi l'ha votato - regioni rosse da generazioni - lo ha fatto perché la sinistra è svanita: sciolta nell'ultimo demagogismo asfissiante e snob dei fighetti/ette radical chic, minoranza che al Poppolo vero del Partitto ha sempre fatto schifo. Poppolo di bandiera rossa, che oggi si sente beffeggiato di populismo e xenofobismo e neofasscismo e di qualsiasi ismo, per cui s'incazza e si convince di aver fatto proprio bene a votare un Salvini o un Di Maio piuttosto che i bischeretti chiacchierini o gli altri bigoli mosci che hanno svenduto l'Italia - di cui lo schifoso Poppolo è tuttavia sovrana, e che nel Poppolo hanno realizzato il primato della disoccupazione e della povertà, per accogliere, beneficare, sfamare e alloggiare gratis e far star bene gli "immigrati" - spese tutte a carico del poppolo ancor più tartassato ovviamente. E' crollato un sinistrismo che ha dominato l'Italia dal 1948 a ieri: "smaschera" bene questo, e capirai il Popolo.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    03 Luglio 2018 - 13:01

    Continuiamo così e dal parcheggio al Viminale Salvini arriverà, nel deserto dei tartari generale, alla Presidenza del consiglio senza colpo ferire. Nel mentre non riconosciamo gli errori fatti e demoniziamo il popolo. Berlusconi fu un grande quando sbarrò la strada ad Occhetto poi si è seduto e ci ha messo del suo per farsi dimenticare. Salvini è sua creatura ed il suo silenzio la dice lunga sul da farsi e non si capisce da dove vorrebbe ricominciare. Quando la battaglia è persa non è suonando di nuovo la carica che risolvi ma rivedere dove hai sbagliato che, forse, potrai avere la forza di continuare a credere e non sperare.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    03 Luglio 2018 - 10:10

    Caro Giuliano, consentimi di azzardare un’opinione professionale al tuo come sempre lucido ragionamento. Mi par di capire che la vera partita di Salvini si giocherà in primavera, con la caduta dell’attuale governo e nuove elezioni alle quali la Lega sfiderà i 5 Stelle a capo della assai probabile coalizione vincente del centro destra. Con la prospettiva di un Salvini premier di una maggioranza assoluta in parlamento. Se così dovessero star le cose, non ci resta che sperare che Berlusconi ricandidato raccolga voti sufficienti a condizionare e per quanto possibile mitigare gli intenti sovversivi del leader leghista. Considerata la probabile irrilevanza politica del Pd, sinistra unita o meno, non ci resterebbe dunque che tornare a fare il tifo per il Cav., stavolta inteso come male minore. E tu ben sai che nella politica il meglio e’ da sempre rappresentato dal male minore frutto di eterni quanto invidi e sputtanati compromessi. Sbaglio? Gianfranco Trombetta

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    03 Luglio 2018 - 09:09

    Se si pensa di combattere e sconfiggere il cosiddetto populismo sventolando bandiere e urlando slogan ai gay pride, siamo a posto! A Salvini e Grillo con le bandiere arcobaleno, mentre si traffica in retrobottega per preparare pseudo congressi, si aprono autostrade. Altro che pubblicare manifesti di Calenda e registrare il silenzio misterioso dell’autoesilato Renzi, già Royal Baby abdicante.

    Report

    Rispondi

Servizi