cerca

La Casta vince contro Roberto Fico. Il M5s sospende il sondaggio

La pagina ufficiale del Movimento lancia la votazione sui vitalizi. Ma il voto non va come si spera, e poco dopo le 17 il post viene rimosso. Parlano i “Socialisti gaudenti” che hanno mandato in tilt lo staff della comunicazione grillina 

29 Giugno 2018 alle 17:43

La Casta vince contro Roberto Fico, e il M5s sospende il sondaggio

Foto del sondaggio lanciato dal M5s (Foto da Facebook)

Prima lanciano il sondaggio, convinti di potere umiliare la casta. Poi, quando si accorgono che il giocattolo gli sta esplodendo tra le mani, corrono i ripari e sopprimono la votazione. E' la brillante strategia social dei grandi capi della comunicazione a cinque stelle. I quali, più o meno a ora di pranzo di un caldo venerdì di fine giugno, hanno pensato bene di creare, proprio sulla pagina Facebook ufficiale del M5s, un sondaggio sul tema dell'abolizione dei cosiddetti vitalizi. Il quesito, vagamente condizionante, era questo: "Noi pensiamo che i vitalizi siano un privilegio indecente e Roberto Fico si sta impegnando per eliminarli. La casta non è d'accordo e addirittura vorrebbe denunciarlo per questo. VOI DA CHE PARTE STATE?". 

 

E insomma l'esito, messa così, sembrerebbe banale. Tanto più che il canale di diffusione è proprio il profilo certificato del M5s. E invece, succede l'imponderabile. Succede, cioè, che il voto prende subito una strana piega: e, poco dopo le cinque del pomeriggio, quando gli elettori ammontano ormai a oltre 26 mila, la preferenza è nettamente per la casta, che vince col 62 per cento dei click.

 

 

Del resto, da un paio d’ore era partita l’offensiva dei nostalgici della vecchia politica. “Ci hanno segnalato il sondaggio, e abbiamo subito invitato i nostri 140 mila follower a fare coscienziosamente il loro dovere di elettore consapevoli”, scherza, parlando al Foglio, Raffaele Boninfante, salernitano che studia a Pisa, e che, soprattutto, gestisce la pagina di “Socialista gaudenti”. Uno dei molti gruppi satirici in cui, in modo goliardico, si nutre il rimpianto collettivo per la politica di un tempo. “E infatti – prosegue Boninfante – ci siamo subito coordinati, tramite un gruppo WhatsApp, con gli amministratori delle altre pagine analoghe: da ‘Una foto diversa della prima Repubblica. Ogni giorno’ a ‘Hipster Democratici’, passando per gli ‘Eurocrati’ e “Il golpe Gentiloni’. E a quel punto, anche contro la corazzata del M5s, è stato facile”.

 

Così com’è facile, del resto, immaginare il senso di panico che prende allora a diffondersi ai piani alti della comunicazione grillina. E d'altronde a nulla vale, evidentemente, neppure il bel faccione rassicurante, sorridente e pacioso, del presidente della Camera, emblema del grillismo più autentico, contrapposto ai volti tirati di quattro biechi politicanti di professione, tutti piuttosto agés: da Fausto Bertinotti a Mssimo D'Alema, da Paolo Cirino Pomicino a Ciriaco De Mita.

 

Che fare? A qualcuno, tra gli strateghi social del Movimento, viene il colpo di genio. Sospendere tutto, annullare il sondaggio e tutti a casa. Da poco dopo le cinque del pomeriggio, la pagina, semplicemente, "non è disponibile". Se si prova a votare, si viene stoppati: link corrotto o pagina rimossa. E viene da pensare che sia la seconda ipotesi, visto che fino a pochi minuti prima quello stesso link era perfettamente funzionante. Dev'essere una nuova, perfezionata versione della democrazia digitale: quella per cui il voto si conclude solo se accontenta le speranze di chi lo indice. Il M5s vince sempre; e quando non vince il M5s, non vince nessuno.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    29 Giugno 2018 - 19:07

    Non sono per niente simpatizzante per i 5 Stelle, ma sui vitalizi il 90 per cento degli italiani è d'accordo."Il foglio" difende la casta , ma è una battaglia sbagliata, perché l'Italia dei privilegi, sempre i soliti, non ha diritto di cittadinanza.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    29 Giugno 2018 - 19:07

    La cosa è un po’ troppo strana per essere verosimile. Anche il luogo, Facebook, è insolito per le loro messe nere. Vedremo quali motivi tecnici opporranno gli honesti, oltre al solito ‘e allora il piddì?’ e alle minacce di spezzamento di reni. Comunque è confermato che i loro referendum su tutto, anche su quando andare in bagno, si fondino sul principio che uno (grillino) vale zero.

    Report

    Rispondi

    • guido.valota

      01 Luglio 2018 - 18:06

      E infatti pare che abbiano votato in massa la Kasta alcune pagine FB di guerriglia antigrillina. Bene, a brigante brigante e mezzo. Tanto per fargli sapere che, se sono i più imbecilli su tutto il resto, non possono certamente essere i più furbi sul web.

      Report

      Rispondi

  • fiorevalter

    29 Giugno 2018 - 18:06

    hanno fatto l'errore di mettere il sondaggio su fb ...se lo mettevano su "russò" magari andava diversamente ;)

    Report

    Rispondi

  • marco.ullasci@gmail.com

    marco.ullasci

    29 Giugno 2018 - 18:06

    Grandissimi! Altro che smacchiatori di giaguari!

    Report

    Rispondi

Servizi