cerca

Come si vota e come funziona la legge elettorale

Domenica 4 marzo dalle ore 7 alle ore 23 i seggi saranno aperti per l’elezione dei 630 deputati della Camera e dei 315 senatori del Senato

3 Marzo 2018 alle 06:00

Come si vota e come funziona la legge elettorale

Foto LaPresse

Domenica 4 marzo dalle ore 7 alle ore 23 i seggi saranno aperti per l’elezione dei 630 deputati della Camera e dei 315 senatori del Senato (nel Lazio e in Lombardia si voterà anche per le elezioni regionali). Gli elettori dovranno recarsi ai seggi muniti di un documento di identità valido e della scheda elettorale. Rispetto alle elezioni del 2013 non si voterà lunedì.

 

Come si vota: la scheda elettorale

 

Agli elettori saranno consegnate due schede, una per la Camera (rosa) e una per il Senato (gialla). Per il Senato potranno votare solo i cittadini che hanno più di 25 anni. Sulla scheda saranno indicati il nome del candidato nel collegio uninominale (232 collegi per la Camera e 116 per il Senato) sotto il quale saranno presenti i simboli dei partiti che compongono le coalizioni, o i singoli partiti, che lo sostengono con, a fianco, i nomi dei candidati al plurinominale.

 

Come esprimere correttamente il voto:

  1. tracciare una croce sul nome del candidato all’uninominale oppure sul simbolo di uno dei partiti. La legge elettorale non prevede il voto disgiunto: non si potrà votare un candidato all’uninominale e una lista che non l’appoggia – il voto sarebbe nullo. Se invece traccia una croce sul nome del candidato e sul simbolo di una lista che lo appoggia il voto è valido;
  2. se si dà il voto al solo candidato all'uninominale questo viene esteso automaticamente alla lista (o alla coalizione, distribuendolo tra le liste in modo proporzionale ai risultati che le stesse hanno ottenuto in quella circoscrizione elettorale). Se invece il voto viene dato al solo partito il voto verrà automaticamente assegnato al candidato dell’uninominale.

 

 

 

  

   

   

 

Attenzione al tagliando antifrode 

Le nuove schede elettorali sono dotate di un “tagliando antifrode” con un codice. Dopo che ha votato l'elettore deve restituire la scheda al presidente del seggio debitamente piegata. Il tagliando viene staccato dalla scheda e conservato dai componenti del seggio che controllano se il numero del tagliando sia lo stesso di quello annotato prima della consegna della scheda all'elettore. Solo dopo tale controllo il presidente del seggio inserisce la scheda stessa nell'urna.

 

 

Come funziona la legge elettorale

Domenica si voterà per la prima volta con il cosiddetto Rosatellum, un sistema misto, proporzionale e maggioritario: circa un terzo dei seggi tra Camera e Senato sarà eletto tramite collegi uninominali, mentre i restanti due terzi saranno eletti con sistema proporzionale.

 

Nei collegi uninominali il seggio sarà assegnato al candidato che in un collegio elettorale ha preso più voti. Saranno 232 per la Camera e 116 al Senato.

 

I seggi restanti saranno invece assegnati con metodo proporzionale. La ripartizione dei seggi è effettuata a livello nazionale per la Camera e a livello regionale per il Senato (sono 20 le circoscrizioni, mentre sono 28 per la Camera) in base ai voti presi da ogni singolo partito o coalizione.

 

Un partito, per entrare in Parlamento, dovrà superare la soglia di sbarramento: è del 3 per cento su base nazionale (sia alla Camera sia al Senato), mentre per le coalizioni la soglia è del 10 per cento su base nazionale. I voti dei partiti che partecipano a una coalizione e superano l’1 per cento, andranno alla coalizione, se l'1 per cento non sarà superato quei voti andranno invece persi.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi