cerca

Il filtro Di Maio fa acqua da tutte le parti. Nelle liste del M5s un altro “impresentabile”

Antonio Tasso, in corsa nel collegio uninominale Manfredonia-Cerignola, nel 2007 è stato condannato in primo grado per violazione del diritto d'autore (vendeva cd contraffatti). Il processo è finito con la decorrenza dei termini per la prescrizione

24 Febbraio 2018 alle 12:12

Il filtro Di Maio fa acqua da tutte le parti. Nelle liste del M5s un altro “impresentabile”

Il manifesto elettorale di Antonio Tasso

Roma. C’è un altro candidato “impresentabile” nel M5s: è Antonio Tasso, che corre nel collegio uninominale Manfredonia-Cerignola, un tempo titolare di un negozio di elettronica nel centro sipontino. Tasso nel 2007 è stato condannato in primo grado dal Tribunale di Foggia, sezione distaccata di Manfredonia, per violazione della legge sul diritto d’autore, perché “con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso abusivamente duplicava o riproduceva a fine di lucro, 308 cd per videogiochi e 57 cd musicali”. Il giudice ha concesso le attenuanti generiche, e lo ha condannato alla pena di sei mesi di reclusione e 2.000 euro di multa oltre al pagamento delle spese processuali. La pena è stata sospesa perché Tasso non aveva precedenti penali. L’avvocato Gabriele Esposto, che all’epoca seguì Tasso, spiega al Foglio che c’è stato poi un appello. Il processo è finito con la decorrenza dei termini per la prescrizione. Ma per le ferree regole del M5s la condanna in primo grado è già sufficiente: “Costituisce condotta grave ed incompatibile con la candidatura - si legge all’articolo 6 del regolamento dei Cinque Stelle - la condanna, anche solo in primo grado, per qualsiasi reato commesso con dolo”.

 

SCARICA LA SENTENZA DI PRIMO GRADO

 

La difesa di Tasso Subito dopo l'articolo del Foglio Antonio Tasso ha postato su Facebook un video nel quale ha provato a difendersi: “Per potermi candidare nel Movimento 5 Stelle, oltre al curriculum, ho inviato il casellario giudiziale, il certificato dei carichi pendenti e il certificato ex art. 335 (per verificare l'esistenza di denunce o indagini). Tutti questi certificati sono risultati PULITI”. Nessun riferimento alla condanna in primo grado, né alla successiva prescrizione. 

 

Elementi che, come scritto, non sono compatibili con le regole del M5s. O meglio, elementi che Tasso ha taciuto al Movimento. “Non ci ha informati di questo episodio - ha scritto nel tardo pomeriggio Luigi Di Maio su Facebook -.  Per questa ragione è stato segnalato al collegio dei probiviri a cui ho proposto l'espulsione”. 

  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi