cerca

L'“asse franco-tedesco" (del Ppe) a Roma per sostenere Berlusconi

Il presidente del Ppe, il francese Joseph Daul, e il capogruppo a Strasburgo, il tedesco Manfred Weber, nella Capitale per incontrare il Cav. Sono lontani i tempi delle risatine di Merkel e Sarkozy

19 Febbraio 2018 alle 21:07

L'“asse franco-tedesco" (del Ppe) a Roma per sostenere Berlusconi

Manfred Weber e Silvio Berlusconi in una foto del 2015 (foto LaPresse)

Qualche anno fa - non così tanti in realtà - solo a nominargli l’“asse franco-tedesco”, Silvio Berlusconi si scatenava contro il “complotto” del 2011, e si scaldava parlando di “colpo di Stato”. Quel famoso “risolino” d’intesa tra Nicholas Sarkozy e Angela Merkel registrato dalle telecamere a Bruxelles il 23 ottobre del 2011 sembrò la sanzione definitiva del disconoscimento che la famiglia dei conservatori europei aveva deciso nei confronti del tycoon di Arcore e rappresentò di fatto il colpo di grazia che portò alle dimissioni di Silvio Berlusconi, chiudendo un’intera stagione politica. Nessuno avrebbe potuto immaginare allora che l’“asse franco-tedesco”, sei anni e mezzo dopo, si sarebbe rimaterializzato proprio a casa sua, a Palazzo Grazioli, ma con un segno politico completamente rovesciato. La sfiducia, manifestata allora in modo così plateale è diventata oggi un endorsement per l’“unico leader capace di fermare i populisti”, uno degli atout che Berlusconi può giocare non solo di fronte all’establishment ma anche nella competizione interna con i suoi alleati nel centrodestra.

 

Weber pone una linea rossa contro il populismo: no a forze anti europee

Il presidente del Ppe all’Europarlamento ci dice cosa si aspetta dalle elezioni italiane e si prende una piccola vendetta con Renzi

 

 

Domani sera nella Capitale sbarcheranno il presidente del Ppe, il francese Joseph Daul, e il capogruppo del Ppe a Strasburgo, il tedesco Manfred Weber (che proprio al Foglio ha spiegato alcune settimane fa qual è la posizione del Ppe nei confronti di una possibile vittoria di Silvio Berlusconi e del centrodestra ndr). Non sono Sarkozy e Merkel in persona, ma il primo è stato un importante dirigente dell’Ump di Sarkò e il secondo è esponente del partito della Cancelliera: non vengono certo di loro iniziativa. Lo scopo della trasferta è quella di incontrare il leader di Forza Italia e di accreditarlo. Discuteranno - nuovamente - di cosa potrà accadere in Italia dopo il 4 marzo alla luce dei sondaggi e di come potrebbe andare la fase successiva alle elezioni. Soprattutto, però, mercoledì mattina con una conferenza stampa congiunta presso la sede nazionale di Forza Italia in piazza San Lorenzo in Lucina, chiariranno, davanti alle telecamere, in modo da non lasciare margini di ambiguità, che il “cavallo” del Ppe è Berlusconi e non altri. A mezzogiorno parleranno prima Berlusconi e poi Weber: strette di mano, breve discorso di saluto, giro di telecamere e via.

 

A scanso di equivoci, Daul ha già anticipato la linea della famiglia del popolarismo europeo in una intervista al Messaggero: “Mi auguro che vinca un centrodestra a trazione Fi, con Berlusconi come garante, perché può contare sull’autorevolezza e l’esperienza necessaria, e su una partecipazione importante degli altri membri del Ppe, in particolare Lorenzo Cesa…”. E pensare che l’ex sindacalista francese era stato in passato tra i critici più implacabili del Cavaliere, che aveva risposto ad una sua provocazione bollandolo, ai tempi, come “uno dei quattordici vicepresidenti”. Acqua passata. Nel frattempo, dei suoi avversari di allora, Sarkozy è ormai scomparso dalla scena e la Merkel, dopo le recenti elezioni tedesche, sembra piuttosto acciaccata e avviata probabilmente sul viale del tramonto: non ha saputo fare da argine alla destra populista e ha dovuto acconciarsi a un accordo con la Spd che non tutti, nella Csu bavarese ma anche all’interno del suo partito, hanno salutato con entusiasmo.

 

Questa non è la prima volta che Daul e Berlusconi si vedono. Si sono già incontrati diverse volte ad Arcore - l’ultima volta a settembre - come a Palazzo Grazioli, e in tutte le occasioni era presente Antonio Tajani. E’ indiscutibilmente lui la cinghia di trasmissione tra le Cancellerie e il quartier generale berlusconiano - del resto, è un leader che a Bruxelles conoscono bene, essendo stato anche commissario europeo e vicepresidente della Commissione -, oltre che l’uomo forse più adatto a risolvere il rebus di un risultato elettorale che veda la prevalenza del centrodestra alle urne senza che però questa si tramuti in una maggioranza di seggi in Parlamento. Berlusconi evoca il profilo di Tajani, che era stato il suo primo portavoce a Palazzo Chigi, almeno da una settimana, ma senza mai pronunciare chiaramente il suo nome, forse proprio per non bruciarlo. Con l’avvicinarsi del voto e con l’aumentare delle incognite, sembrano cadere anche alcuni possibili veti. Matteo Salvini, per esempio, in passato molto critico sulla figura del presidente dell’Europarlamento, ha accettato la regola che “se arriva prima Forza Italia, tocca a Forza Italia scegliere il nome”, quindi può andar bene pure lui. Idem Guido Crosetto, braccio destro di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia: “L’accordo è che il partito che raggiungerà il miglior risultato indicherà il nome del premier. Se sarà la Lega toccherà a Salvini, se sarà Fratelli d’Italia alla Meloni, se sarà Forza Italia ad essere indicato a Mattarella sarà Tajani. Nulla da dire su Tajani, è una persona di buonsenso”. A spingere, più ancora che i francesi, per la soluzione-Tajani a Palazzo Chigi - sarebbero soprattutto i tedeschi. E’ a loro, del resto, (e forse proprio allo stesso Weber) che spetterebbe il posto lasciato vacante dall’attuale presidente dell’Europarlamento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi