cerca

Giovani, crudeli e determinati

Da Tamerlano a Saint-Just, per non parlar di SS. Il perturbante legame tra spietatezza, politica ed età

26 Dicembre 2017 alle 08:42

Giovani, crudeli e determinati
Serio e cupo, “nemico della gaiezza”, Tamerlano lo Zoppo aveva uno spiccato senso dell’emulazione e fin dalle sue prime campagne militari di gioventù aveva mutuato da Gengis Khan, il suo idolo, il vezzo di fare piramidi con i teschi dei nemici uccisi. Quando conquistò Aleppo le piramidi furono alte cinque metri e con un lato di tre, visibili da lontano, e i cronisti contarono ventimila teste. Ma poiché era un uomo anche fantasioso, aveva elaborato la variante ingegneristica – narrano...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Maurizio Crippa

Maurizio Crippa

Maurizio Crippa, vicedirettore, è nato a Milano un 27 febbraio di rondini e primavera. Era il 1961. E’ cresciuto a Monza, la sua Heimat, ma da più di vent’anni è un orgoglioso milanese metropolitano. Ha fatto il liceo classico e si è laureato in Storia del cinema, il suo primo amore. Poi ci sono gli amori di una vita: l’Inter, la montagna, Jannacci e Neil Young. Lavora nella redazione di Milano e si occupa un po’ di tutto: di politica, quando può di cultura, quando vuole di chiesa. E’ felice di avere due grandi Papi, Francesco e Benedetto. Non ha scritto libri (“perché scrivere brutti libri nuovi quando ci sono ancora tanti libri vecchi belli da leggere?”, gli ha insegnato Sandro Fusina). Insegue da tempo il sogno di saper usare i social media, ma poi grazie a Dio si ravvede.

E’ responsabile della pagina settimanale del Foglio GranMilano, scrive ogni giorno Contro Mastro Ciliegia sulla prima pagina. Ha una moglie, Emilia, e due figli, Giovanni e Francesco, che non sono più bambini

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi