cerca

Perché non regge il metodo 5 stelle a Roma

La crisi della giunta Raggi dimostra che quando si deve passare dalla protesta “contro” gli altri alla gestione di dossier concreti e complessi, cioè si deve esercitare potere politico, l'impostazione del Movimento grillino non ha tenuta, né pratica né ideale

2 Settembre 2016 alle 15:57

Perché non regge il metodo 5 stelle a Roma

Virginia Raggi (foto LaPresse)

Le crepe che mettono a rischio la tenuta dell’amministrazione capitolina si sono manfestate in tempi sorprendentemente rapidi, ma sono una conseguenza pressoché inevitabile della peculiare costruzione politica del Movimento 5 stelle, la cui impostazione di base  consiste nella lotta per “mandare via” una classe dirigente politica considerata (non sempre a torto) incapace e corrotta. Questo obiettivo raccoglie consenso soprattutto in situazioni come quella romana, in cui il degrado amministrativo è evidente, ma anche in situazioni – come quella torinese – in cui si manifesta stanchezza per un establishment sempre eguale a se stesso, anche se efficiente. Quando però si deve passare dalla protesta “contro” gli altri alla gestione di dossier concreti e complessi, cioè si devono operare scelte esercitando potere politico, si avverte tutto il peso di un’impostazione puramente speciosa. Proporre di dare a tutti un reddito fisso, indipendentemente dal lavoro, di risolvere la questione dei rifiuti facendoli smaltire agli altri, di difendere a spada tratta i “beni comuni” anche quando in realtà si tratta di società pubbliche inefficienti e costose, non fornisce alcuna indicazione effettivamente praticabile, come si era già visto in altri casi, da Parma a Livorno.

 

Quando si tratta di gestire un potere è inevitabile che si scontrino opzioni e interessi diversi, ma se si nega alla radice la dialettica politica – descritta dai grillini sempre solo come effetto della penetrazione di lobby e di interessi inconfessabili – si crea una situazione in cui la lotta di potere resta, ma diventa criptica e indecifrabile. Le cordate di potere, prive di un esplicito riferimento a  opzioni politiche alternative, si esprimono attraverso sistemi di amicizie e di relazioni personali, con relative inimicizie e rifiuti di collaborazione. Il clima interno del Movimento 5 stelle, improntato a una sorta di controllo dall’alto (camuffato da democrazia informatica), è il corollario inevitabile di una negazione del confronto tra posizioni differenti. Lo schema è lo stesso del centralismo democratico, con l’aggravante dell’assenza di una comune base sociale di riferimento organizzata e riconoscibile. Forse è un bene che la crisi si sia manifestata tanto precocemente. Non perché questo debba necessariamente portare a una dissoluzione del Movimento e al crollo del suo consenso, ma perché mette di fronte all’evidenza della impraticabilità di un certo metodo organizzativo e di una certa opzione ideologica. I responsabili del Movimento dovrebbero essere i primi a interrogarsi sulle necessarie correzioni di impostazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • zipixel

    17 Gennaio 2018 - 18:06

    Al netto della Raggi che è in realtà una testa legno totalmente incompetente e inadatta al ruolo, i 5 stelle stanno raccogliendo a Roma tutta quella parte dei dipendenti statali tra cui docenti e bamboccioni vari che sono i veri responsabili dello sfascio Romano e del Paese, anche perchè la classe politica precedente ne era la rappresentazione plastica del voto di scambio a Roma vedi PD e Forza Italia, praticamente è la stessa situazione del calcio dove la squadra gioca male e viene cacciato l'allenatore tanto per leggere la situazione in chiave sportiva. A Roma a chiacchiere sono tutti rivoluzionari e fan sfegatati della rivoluzione dei 5 stelle, poi quando li chiami alla responsabilità delle loro dichiarazioni subentra la paralisi cerebrale dettata dalla paura e dell'incomptenza abissale...!

    Report

    Rispondi

Servizi