cerca

Centrodestra avanti in Friuli-Venezia Giulia, a nord est un voto contro Serracchiani

A Trieste e Pordenone, campanello d'allarme per il Pd con il vantaggio di Roberto Dipiazza e Alessandro Ciriani. Fuori da tutto è il Movimento 5 stelle.

6 Giugno 2016 alle 15:03

Centrodestra avanti in Friuli-Venezia Giulia, a nord est un voto contro Serracchiani

Debora Serracchiani (foto LaPresse)

E' stato un brutto risveglio quello del vicesegretario del Partito democratico, Debora Serracchiani, nel leggere i dati sulle elezioni comunali in Friuli Venezia Giulia, la regione che governa dal 2013. Si votava in due capoluoghi di provincia, Trieste e Pordenone. In entrambe le città il sindaco uscente era di centrosinistra (e per di più del Pd). A Trieste tentava la riconferma Roberto Cosolini – peraltro già sfidato alle primarie da un avversario interno al partito – a Pordenone, dopo la decisione di Claudio Pedrotti di non ricandidarsi, a scendere in campo era stato il segretario provinciale, Daniela Giust.

 

A scrutinio ancora in corso, i dati sono chiari: nel capoluogo regionale, è in netto vantaggio Roberto Dipiazza, per dieci anni sindaco dal 2001 al 2011, rimpiazzato proprio da Cosolini, che si è fermato al 29,2 per cento. Ancora più clamoroso il voto a Pordenone, città che il centrosinistra governava da tre mandati consecutivi. Il candidato del centrodestra, Alessandro Ciriani, è al 46,2, mentre Giust è ferma al 32,2%. Anche qui si andrà al ballottaggio tra due settimane. Fuori da tutto è il Movimento 5 stelle, che dopo la speranza di conquistare la regione nel 2013 – Beppe Grillo girò in camper il Friuli e la Venezia Giulia, racimolando un risultato assai magro – non accede al secondo turno in alcuna delle località al voto. Per Debora Serracchiani – che divenne governatore superando di soli duemila voti l'uscente Renzo Tondo, un campanello d'allarme in vista delle elezioni del 2018.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi