cerca

Intercettazioni e morale. La lezione di D'Alema

L'ex presidente del consiglio ha passato una buona parte della sua vita politica ad attaccare i suoi avversari utilizzando l’arma della morale, ma in Italia la morale viene spesso fatta sulla base di intercettazioni gentilmente passate dai magistrati ai giornalisti.

3 Aprile 2015 alle 15:50

Intercettazioni e morale. La lezione di D'Alema

Massimo D'Alema (foto LaPresse)

Al direttore – Le minacce di D’Alema ci fanno un baffetto.
Con i migliori saluti.

Roberto Alatri

 

 

D’Alema ha passato una buona parte della sua vita politica ad attaccare i suoi avversari utilizzando l’arma della morale. In Italia la morale viene spesso fatta sulla base di intercettazioni gentilmente passate dai magistrati ai giornalisti che servono per dare alle inchieste una cornice non solo penale ma, appunto, anche morale. Ne consegue che il D’Alema che giustamente protesta per chi gli fa la morale sulla base di intercettazioni che mai sarebbero dovute uscire dalla stanza di una procura è lo stesso D’Alema che ha passato una vita a fare la morale ai suoi nemici anche sulla base di intercettazioni che mai sarebbero dovute uscire dalla stanza di una procura. Ridere sotto i baffi ci viene più che naturale, diciamo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi