cerca

Solo i santi vanno in tv

Da madre Teresa alle sorelle Fontana il passo è breve. Se il biopic religioso si fonda sull’umanizzazione dei santi, la fiction d’impegno civile si lancia nella beatificazione di giudici, servitori dello stato, artisti

25 Febbraio 2018 alle 06:12

Solo i santi vanno in tv

La fiction su Fabrizio De André, l'anti Don Matteo che ha innescato un coro di elogi, ma anche una furibonda polemica sull’accento romanesco prestatogli dall’attore Luca Marinelli

Con quasi vent’anni di programmazione alle spalle, uno straordinario immobilismo narrativo e un radicamento profondo nel territorio, “Montalbano” e “Don Matteo” ci consolano come un’intramontabile Prima Repubblica della fiction italiana. Il successo delle repliche di “Montalbano”, il fastidio degli spettatori per ogni minima variazione di “Don Matteo”, come nel caso delle recenti proteste innescate dal cambio di sigla per l’undicesima stagione, interpretano in modo formidabile un celebre slogan della Dc di Fanfani all’alba degli anni Sessanta: “progresso senza avventure”. Negli...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • agostinomanzi

    25 Febbraio 2018 - 15:03

    Me le sono perse tutte. La sera sono stanco.

    Report

    Rispondi

Servizi