Senza globalizzazione non c’è soluzione al problema migranti

Macerata e non solo: quando si parla di migranti in Italia serve meno emozione e più ragione, dice il costituzionalista

Senza globalizzazione non c’è soluzione al problema migranti

La manifestazione anti razzista di Milano (foto LaPresse)

Professor Sabino Cassese, l’omicidio di una ragazza italiana e il ferimento di immigrati, a Macerata in una fase preelettorale, ha agitato gli animi, suscitando reazioni e discussioni.   Che sono mosse – come è in parte naturale – dalle emozioni, piuttosto che dalla ragione. Parliamone. Ma ricordi che un recente libro, di Steven Pinker, “Il declino della violenza” edito da Mondadori nel 2017, mostra che, contrariamente alle nostre percezioni, viviamo in un mondo sempre meno dominato dalla violenza. E –...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    13 Febbraio 2018 - 17:05

    Ma non scomodate l’ennesimo professore che sciorina una sfilza di ovvietà. Guardate la realtà e le prossime elezioni e vedrete cosa dice il popolo. I confini vanno rispettati altrimenti è sfascio. La forza sta nel riportali da dove si sono imbarcati ed assumersi le responsabilità delle proprie azioni di stato sovrano.

    Report

    Rispondi

Servizi