cerca

Se nel dopo emergenza l’Italia non cambia è spacciata

Domani ricominceremo con gare che durano un’eternità, con mille inutili adempimenti burocratici? Perché ci servono commissari speciali e scudi legali? Forse è proprio la legge ordinaria che non funziona

25 Marzo 2020 alle 13:56

Se nel dopo emergenza l’Italia non cambia è spacciata

Il pagamento della decima (o L'avvocato dei contadini), Pieter Brueghel il Giovane

Di Chicco Testa, presidente di Fise Assoambiente

dal sito rivistaenergia.it


 

Quali saranno le conseguenze di questa immane crisi che stiamo vivendo? E come se ne verrà fuori? La portata delle ricadute economiche è solo immaginabile e sarà enorme. Le ricette per ripartire immediatamente per il momento sconosciute. Una cosa è certa. Se l’Italia non cambia, cominciando da ora, alcuni difetti strutturali della sua economia e tutti gli handicap che ci hanno impiombato nei decenni passati essi si ripresenteranno moltiplicati per 100 e non ci lasceranno via di scampo. Andremo ancora più a fondo.

 

Avremo bisogno di lavoro, di investimenti, di crescita ad ogni costo e senza la mole di vincoli che si è abbattuta sul nostro Paese, rendendolo simile a un Gulliver paralizzato da mille nanerottoli. Dovremo sapere spendere le decine di miliardi che ci sono – perché ci sono, a cominciare dai fondi europei – senza la mannaia di mille codicilli e di rischi di ogni genere che ogni amministratore si trova ormai sulle spalle.

  

Dovremo smetterla di fare i difficili. Se penso a qualche discussione del recente passato – per esempio, con centinaia di comitati e il loro seguito di politici opportunisti pronti ad opporsi a qualsiasi investimento proponendo ricette alternative fantascientifiche – mi metto le mani nei capelli. Ma un minuto dopo mi domando “Sarà ancora così?”.

    

Domani ricominceremo con gare che durano un’eternità, con imprese alle prese con mille adempimenti burocratici completamente inutili?

Perché ci sono ormai difetti che hanno inquinato in profondità il carattere di noi italiani. La diffidenza verso qualsiasi novità, l’espulsione del rischio da ogni nostra attività e la richiesta di protezione totale da parte dello Stato, la nostalgia di un passato inesistente, il rifiuto delle caratteristiche industriali e di mercato dei pezzi migliori della nostra economia.

  

Oggi non riusciamo nemmeno a disporre delle mascherine necessarie, perché ogni funzionario pubblico teme l’arrivo della Corte dei Conti. Domani ricominceremo con gare che durano un’eternità, con imprese alle prese con mille adempimenti burocratici completamente inutili?

  

Di questi tempi mi occupo di rifiuti. Risulta evidente come l’insufficiente dotazione di impianti – a cominciare dagli inceneritori, essenziali per i rifiuti ospedalieri – sia un handicap che mette a rischio il sistema. Non siamo in grado di dare le mascherine ai nostri dipendenti. Però discutiamo come antichi prelati designati a stabilire se anche le donne hanno un’anima di come fare le raccolte differenziate. E il Ministro competente è completamente sparito, probabilmente impegnato ad osservare il cielo azzurro sopra Milano.

  

Come mai la legislazione ordinaria non serve a niente e servono invece Commissari speciali e scudi legali?

Abbiate pietà. Torniamo ai fondamentali, alle cose fatte e fatte bene. Facciamoci una domanda? Come mai dal ponte di Genova a mille altre emergenze ogni volta ci rendiamo conto che la legislazione ordinaria non serve a niente e servono invece Commissari dotati di poteri speciali e di scudi legali?

  

Forse è proprio la legge ordinaria che non funziona. Ma questo lo sapevamo già.


 
Chicco Testa è presidente di FISE Assoambiente

  

Segui rivista Energia su
Twitter: @RivEnergia 
Facebook: Energia - Rivista e Blog
LinkedIn: Energia - Rivista e Blog


o iscriviti alla Newsletter

Rivista Energia

Rivista Energia

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • cesare battisti

    25 Marzo 2020 - 16:25

    l'aver rimosso la parola ''razza'' dal ragionare impedisce la comprensione della realtà. Questo non è un paese! è un'accozzaglia di accattoni che aspettano qualcuno che provveda...come è sempre stato. Stia tranquillo che qualcuno verrà a dirci cosa fare o ...a comandarci. E allora le cose andranno un pò meglio...ma che non sia un mangiatore di pasta!

    Report

    Rispondi

Servizi