Il populismo si schianterà sul debito

Il rischio in Italia, ma l’Europa non la lascerà mai fallire, scrive il Wall Street Journal (3/6)

11 Giugno 2018 alle 11:29

Il populismo  si schianterà sul debito

Una scena di Grindhouse - A prova di morte (Death Proof) un film del 2007, scritto e diretto da Quentin Tarantino

“Tutti amano l’Italia per il suo savoir vivre e il suo brio, per non parlare di Roma come culla della civiltà occidentale”, scrive Josef Joffe. “Eppure c’è un lato oscuro nel ruolo di avanguardia del paese. Nel 1922 l’Italia ha dato al mondo il fascismo, più di un decennio prima che le truppe d’assalto di Hitler sfilassero sotto la Porta di Brandeburgo a Berlino. Dopo la Seconda guerra mondiale, l’Italia fu l’unico paese occidentale a includere membri di un partito comunista filo-sovietico nella sua coalizione di governo. Nel 1970, le Brigate Rosse inventarono il moderno terrorismo europeo. Questo marzo ha avuto un altro brutto record: il potere ai populisti del Movimento 5 stelle di sinistra e della Lega di estrema destra. I partiti radicali hanno ottenuto seggi in diverse legislature europee, ma da nessuna parte hanno conquistato la maggioranza. Dimenticate il Fronte nazionale di Marine Le Pen in Francia, che al massimo è arrivato a un terzo dell’elettorato francese (al ballottaggio con Macron, ndt).

  

Il risultato in Italia è storico: il destino dell’Europa potrebbe essere deciso a Roma. Immaginate, in termini americani, una coalizione tra Bernie Sanders e il tea party: un’orgia di spese governative da un lato, tagli delle tasse e piccoli governi dall’altro. Non si può fare? In Italia, non fa niente, non importa. Mentre i Cinque stelle cercano un reddito garantito di 780 euro al mese, la Lega perseguirà la sua imposta forfettaria del 15 percento. Ora usate l’aritmetica. Il debito pubblico italiano ha già superato il 130 per cento del prodotto interno lordo, e il gestore europeo degli hedge fund Joseph Oughourlian prevede che i buoni del nuovo governo potrebbero gonfiare il deficit annuale di oltre 150 miliardi di euro. Questa miscela di politica economica diventa ancora più tossica quando aggiungiamo le questioni su cui la Lega e i Cinque stelle concordano. Entrambi vogliono ridurre l’età pensionabile, che sarebbe il veleno per una nazione con una riduzione della riserva di manodopera e uno dei più bassi tassi di fertilità in Europa. Bella Italia si sta trasformando in brutta Italia. Primo, la coalizione potrebbe non durare a lungo.

    

La Lega e la partnership a 5 stelle, la più strana delle coppie, è stabile quanto la nitroglicerina. Questo governo potrebbe non durare abbastanza a lungo da imporre il suo bizzarro programma sul paese. Il suo rapporto debito-pil è secondo solo alla Grecia tra le nazioni dell’Eurozona. Il suo tasso di crescita è stato stabile da un decennio. Dalla crisi finanziaria globale, il costo del lavoro in Italia, una misura chiave della competitività, è aumentato di due cifre. Ciao, Italia, giusto? Guarda di nuovo, e guarda le cose positive. Il deficit dell’Italia si è ridotto al 2,3 per cento del pil, meglio di quello della Francia. L’aumento del costo del lavoro per unità di prodotto, che per anni aveva afflitto le esportazioni italiane, è rallentato a solo lo 0,5 per cento nel 2016. Aggiungete ora a queste piacevoli statistiche il fatto che mai l’Ue lascerà affondare l’Italia, un membro fondatore e la quarta economia europea. Come si suol dire, l’Italia è troppo grande per fallire”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Bacos50

    11 Giugno 2018 - 17:05

    E' del tutto evidente che L'EU non lascerà mai fallire l'Italia. Semplicemente non può! Per sopravvivere deve comportarsi come le banche: usano le maniere forti quando a restituire i quattrini, è il titolare di un mutuo o di una cessione ma indossano i guanti bianchi quando si tratta di far rientrare milioni di Euro. L’Italia si trova nella stessa condizione. Fallire no, ma tutti sanno che il nostro debito non sarà mai estinto: oltre 2.300 mld di Euro non si producono nemmeno con la moltiplicazione dei pani e dei pesci. Si andrà avanti versando gli interessi. Un’enorme palla di piombo ai piedi del paese che strozzerà per sempre la crescita e lo sviluppo per chissà quante generazioni.

    Report

    Rispondi

Servizi