cerca

Il cambiamento è lo sputtanamento

Trasformare il sospetto nell’anticamera della verità. Usare il fango come un’arma della lotta politica. Sputtanare il prossimo. Un post-it per gli avvocati del popolo che aggrediscono lo stato di diritto giocando con gogna, giustizia e intercettazioni

26 Luglio 2018 alle 06:09

Il cambiamento è lo sputtanamento

Foto LaPresse

Il professor Giuseppe Conte si è presentato sulla scena politica offrendo per se stesso la definizione di “avvocato del popolo” e a due mesi esatti dalla nascita del governo quell’espressione sta assumendo una connotazione finalmente chiara, che forse vale la pena esplicitare. Per quanto possa essere ironico, il ruolo di avvocato del popolo, per il presidente del Consiglio, oggi è più urgente che mai e la ragione è legata al fatto che il popolo italiano si ritrova di fronte a una minaccia che coincide esattamente con il profilo del governo del cambiamento. E più passano i giorni e più risulta chiaro che per l’avvocato del popolo il compito più complicato nei prossimi mesi sarà quello di difendere il popolo dal governo da lui stesso guidato. Il ragionamento vale quando parliamo di economia e quando parliamo di quanto peserà per le casse dello stato la progressiva perdita di affidabilità del nostro paese. Il ragionamento vale quando parliamo di lavoro e quando parliamo di quanto peserà sulla bilancia dell’occupazione la scelta di combattere il precariato con strumenti legislativi utili a far aumentare la disoccupazione. Ma il ragionamento vale soprattutto quando parliamo di giustizia e le parole consegnate in questi giorni ai cronisti dal ministro Alfonso Bonafede sono la spia di un’emergenza destinata a pesare sul futuro del paese non meno del pericolo di collasso dell’economia. Se è vero che il populismo è nemico del popolo nella misura in cui toglie delle libertà al popolo fingendo di dargliene delle nuove, la storia dell’agenda Bonafede è il manifesto perfetto di come la demagogia populista sia un pericolo per la libertà di un paese.

 

L’Italia, lo sappiamo, ha dei gravi problemi legati a processi che durano troppo, a sovraffollamenti carcerari che trasformano le pene in torture, a un sistema giudiziario che alimenta la mostruosa macchina della gogna e come se nulla fosse il ministro Bonafede nelle ultime settimane ha promesso che da qui alla fine dell’anno lavorerà per aumentare i tempi della prescrizione (e dunque dei processi), per bloccare qualsiasi tentativo di incentivare l’uso di pene alternative al carcere (i termini per approvare il primo decreto attuativo della riforma del sistema penitenziario voluta dal governo precedente scadono il 3 agosto) e per eliminare ogni paletto capace di combattere l’utilizzo selvaggio delle intercettazioni penalmente non rilevanti (il processo mediatico sta al grillismo come l’estetista a Casalino). Quest’ultimo passaggio è stato esplicitato con orgoglio negli ultimi due giorni dal ministro della Giustizia che nell’indifferenza generale ha ammesso che il faro della sua azione di governo coinciderà con uno dei princìpi del vangelo secondo Davigo: “Non esistono innocenti, esistono solo colpevoli non ancora scoperti”. E così, con nonchalance, Bonafede ha messo in cantiere una controriforma della Giustizia finalizzata a eliminare ogni provvedimento capace di mettere un filtro tra le intercettazioni usate per indagare e le intercettazioni usate per sputtanare.

 

Nella legislatura precedente, il governo approvò una legge per regolare in modo soft l’utilizzo delle intercettazioni al fine di impedire la trascrizione delle conversazioni irrilevanti negli atti dei processi, “per escludere ogni riferimento a persone solo occasionalmente coinvolte dall’attività di ascolto e, in generale, il materiale d’intercettazione non rilevante a fini di giustizia, nella prospettiva di impedire l’indebita divulgazione di fatti e riferimenti a persone estranee alla vicenda oggetto dell’attività investigativa”. La riforma non sarebbe stata sufficiente per debellare alla radice la macchina del fango della gogna ma quantomeno indicava una direzione contro la quale il nuovo governo ha invece deciso di opporsi. E lo ha fatto per una ragione semplice: con quella “legge bavaglio”, ha detto ieri il ministro Bonafede, “sarebbe stato impedito ai cittadini di ascoltare le parole dei politici indagati o dei politici quando sono al telefono con persone indagate”. Si potrebbe replicare a Bonafede che in base a questo principio anche il ministro della Giustizia avrebbe il dovere morale di pubblicare su Facebook la cronologia delle sue telefonate con il dottor Luca Lanzalone (ops!) ma la ragione per cui la controriforma inserita dal governo Conte nel prossimo milleproroghe è una classica forma di populismo che toglie delle libertà al popolo fingendo di dargliene delle nuove è legata ad alcune questioni che si trovano al centro della orrenda grammatica sfascista.

 

Non serve ricordare che in Italia ogni anno vengono fatte 132.749 intercettazioni che coincidono a quattro volte il numero di intercettazioni compiute in Francia e quaranta volte il numero di captazioni effettuate in Gran Bretagna e negli Stati Uniti (escluse le attività compiute dai servizi segreti). Non serve ricordare che l’Italia è da anni il paese con il più alto numero di intercettazioni pro capite (76 ogni 100 mila abitanti contro le 23,5 della Francia, le 15 della Germania, le 6 della Gran Bretagna, le 0,5 degli Stati Uniti, i dati sono stati diffusi nel 2004 dal centro studi tedesco Max Planck Institute for Foreign and International Criminal Law). Ciò che serve ricordare è che la libertà personale di ciascun cittadino, quando si parla di giustizia, è direttamente proporzionale alla capacità che ha una società di combattere la cultura del sospetto. E una classe politica che decide di trasformare la cultura del sospetto in una bandiera da sventolare con orgoglio non fa che alimentare un meccanismo mostruoso all’interno del quale per essere condannati non è necessario arrivare a una sentenza, ma è sufficiente “spuntare” per una qualsiasi ragione all’interno di un’intercettazione. Non è rilevante se l’intercettazione sia penalmente irrilevante o se la trascrizione sia legittima oppure no. Ciò che è rilevante è se l’intercettazione possa essere o no una notizia utile a infangare qualcuno. Il ministro Bonafede non poteva dirlo in modo più chiaro – non si può impedire a un cittadino di ascoltare le parole di politici quando sono al telefono con persone indagate – e la sua fasulla difesa del diritto di cronaca in realtà non è che la difesa di un altro diritto: il diritto di poter sputtanare il prossimo, il diritto di trasformare il sospetto nell’anticamera della verità e il diritto di usare le intercettazioni come un’arma non convenzionale della lotta politica. “Datemi sei righe scritte dal più onesto degli uomini – diceva il cardinale Richelieu – e vi troverò una qualche cosa sufficiente per farlo impiccare”.

 

Nei prossimi mesi gli avvocati del popolo avranno molti problemi da risolvere. Ma uno di questi coincide con un gioco di parole e con una equazione forse impossibile da negare: dimostrare che il governo del cambiamento non è il governo dello sputtanamento. Perché limitare la pubblicazione delle intercettazioni irrilevanti non è un bavaglio: è un argine contro gli sciagurati velinari delle procure che si divertono a giocare con le vite degli altri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    26 Luglio 2018 - 17:05

    "Vade retro Cerasa" ! Ma non troppo, se no mi abbatti Salvini: una dichiarazione del Condirettore di Famiglia Cristiana (cristiana? Inquisizione !, W sempre Giordano Bruno), spiegando il passo evangelico "non era Satana ma Pietro" (patetico anche il modo di esporre; "Aria che tira" La 7, prima di un frugale pasto). Qui "sputtanamento", là a La 7 la "la versione di Pietro" (*) siamo in un bel casino (come direbbe Boccaccio). (*) " la mi moglie e le mi figliole mi dicevano sempre tollera Pietro tollera ora siccome la mi hasa gliè na hasa di tolleranza..." mia nonna Clorinda su una famiglia di Ponte Petri (PT) , due villette più in là.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    26 Luglio 2018 - 16:04

    Lo sputtanamento via circo mediatico-giudiziario sta in testa al cosiddetto "contratto" di governo. Il linciaggio popolare degli avversari politici e della casta è uno degli strumenti per il trionfo del cosiddetto cambiamento gialloverde che qualcuno forse meglio definisce politicamente rossonero. Non mette conto chye attraverso lo sputtanamento mediatico amplificatore delle indagini delle Procure abbiamo cacciato e spedito a fare il medico in Africa un galantuomo come il miglior capo riconosciuto della Protezione civile, dopo anni assolto in tutti i processi. Una bella testimonianza dell'applicazione del principio costituzionale secondo il quale tutti abbiamo diritto ad essere considerati innocenti fino a sentenza di condanna definitiva. A pensare all'eversione, si esagera ? Il neo ministro della Giustizia parla di difesa dell'assoluta libertà di informazione a mezzo stampa. La Federazione della Stampa se non plaude,tace, caro direttore Cerasa iscritto all'Albo. Mille grazie davvero.

    Report

    Rispondi

  • mauro

    26 Luglio 2018 - 15:03

    Al peggio non c'è mai fine, caro Cerasa. E' certo però che il meglio che il Foglio quotidianamente rimpiange aveva il difettuccio di riempire il paese di "negher". Cosa certamente buona e giusta ma non maggioritariamente, sottoscritto incluso, apprezzata. In ogni modo tra una faida virulenta e l'altra e una botta e l'altra di assistenzialismo, materiale ma anche morale attraverso la dignità, è destino che dal peggio senza fine non se ne esca. Certo, possiamo disquisire quanto vogliamo.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    26 Luglio 2018 - 13:01

    Tutto è possibile quando le platee italiche, già per indole nativa propense, sono state allevate nel culto del rancore e della demonizzazione dell’avversario politico ritenuto un “nemico”. Nacque con l’equazione “destra = fascismo”e la conseguente divisione tra buoni e cattivi. Questa operazione si chiama razzismo culturale. Il giocattolo preferito dagli intellettuali organici, segue esempio. Molto più osceno e vigliacco di quello che si rifà al colore della pelle. Vittorio Zucconi chiama razzista chi parte dal “Io meglio di te, noi meglio di voi” Probabilmente sono anni che non si fa la barba davanti allo specchio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi