cerca

La gogna mediatica presa alla rovescia

Se il giudice scopre la gogna, ma sbaglia strada. Rivedere i “casi” aziendali

31 Gennaio 2018 alle 06:10

La gogna mediatica presa alla rovescia

Massimo Terzi, presidente del Tribunale di Torino (foto Youtube)

Il presidente del Tribunale di Torino, Massimo Terzi, in un’intervista al Dubbio, ha avvertito il “rischio di un paradossale slittamento della giustizia dal luogo propriamente assegnatole a quello improprio dei mass media”. Il rischio del processo mediatico per Terzi riguarda il giudizio che le masse possono trarre dalla discussione pubblica sull’operato di un magistrato lasciando il giudice esposto al plauso (eventuale) o alla “gogna” (ipse dixit). Pare prendere il concetto di “gogna mediatica” alla rovescia, nel senso di una difesa corporativa. La potenziale vittima non è il giudice, ma l’indagato o l’imputato. E’ l’estremo vantaggio che l’accusa ha in fase istruttoria che dovrebbe essere bilanciato da attenzione critica dei media. Perché è qui, fino al terzo grado di giudizio, che la “gogna” fa danni collaterali. C’è una teoria di casi. Per cinque anni la reputazione di Finmeccanica è stata demolita e i “casi” di corruzione in India e frode fiscale in Algeria si sono risolti in proscioglimento e assoluzione per gli ex manager, Giuseppe Orsi e Bruno Spagnolini. La società della Difesa intanto ha cambiato nome (Leonardo) e guida (Alessandro Profumo, banchiere) e può ripartire con un nuovo piano industriale (bocciato ieri dalla Borsa). Risultati zero anche per due processi durati un decennio risolti in assoluzione per ex dirigenti Enel, “caso” Porto Tolle, Franco Tatò e Paolo Scaroni, oltre a Fulvio Conti. Tatò ha lasciato un’Italia malata per non ammalarsi lui. Scaroni poteva diventare presidente del London Stock Exchange ma ha dovuto rinunciare (con Brexit avrebbe giovato). La magistratura giudicante ha infine operato bene. E’ il giustizialismo elevato a sistema mediatico che ha falciato aziende e manager utili a un paese che si considera povero di classe dirigente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    03 Febbraio 2018 - 09:09

    La gogna mediatico giudiziaria ed il potere illimitato delle Procure hanno storicamente un padre o se si vuole pure una madre politici e partitici. Noi abbiamo le mani pulite fu slogan elettorale sui manifesti prima di diventare la rivoluzione giudiziale con la emme maiuscola, il cui leader, dismessa la toga, fu candidato in un collegio rosso blindato prima e nominato ministro poi. Poi dice la nemesi. Il procuratore dei procuratori già nominato presidente del Senato si candida ora a premier, ma a capo di un neo partito della sinistra assieme al presidente della Camera. Un neo partito della sinistra più a sinistra di quello che ai vertici di Senato e Camera li aveva nominati. Ci sarà sempre uno più puro che ti epura, ammoniva l’arguto e grande Nenni in tempi remotissimi.

    Report

    Rispondi

Servizi