cerca

Quattro mosse per evitare altre condanne agli innocenti

Soddisfazione per l’assoluzione di Giuseppe Orsi ma la sua carriera e la sua vita, nel frattempo, sono state devastate

30 Gennaio 2018 alle 09:38

Quattro mosse per fermare la tortura degli innocenti

Giuseppe Orsi (foto LaPresse)

Che gioia leggere la notizia dell’assoluzione di Giuseppe Orsi dalle infamanti accuse mossegli dai pm in anni recenti. Scaraventato in una lurida cella (lui innocente), destituito dal vertice di Finmeccanica (lui innocente), strappato all’affetto dei suoi cari (lui innocente). Tutto finito, assolto. Gioia per una persona onesta e capace, che ha finalmente ritrovato giustizia e onore. Ma anche rabbia, per la mancanza di sanzioni nei confronti di chi l’ha torturato: una tortura contro persone oneste, arrestate e poi assolte, ti distrugge la reputazione, il fisico e la psiche. E’ capitato a lui, può capitare a chiunque. Che fare? Quattro cose: separazione delle carriere; una vera responsabilità civile dei magistrati; eliminare l’obbligatorietà dell’azione penale, un’ipocrisia; riportare le indagini preliminari a polizia e carabinieri. Perché finora non si è fatto? Per una sorta di conformismo on-the-road degli ultimi guardasigilli: “Dobbiamo andare e non fermarci mai – Per andare dove? – Non lo so, ma dobbiamo andare”. Da ultimo il ministro Orlando, più “innamorato” che “furioso”: con lui la situazione per gli onesti è addirittura peggiorata, se fai il sindaco – ad esempio – da oggi sei considerato un presunto mafioso. Nel prossimo governo vorrei finalmente un ministro della Giustizia con gli attributi, che non abbia paura dell’Anm e non si pieghi come un giunco al primo spirar di polemica. Un sogno? Perché no: “Il futuro appartiene a chi crede nella bellezza dei propri sogni”. Stay tuned.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gesmat@tiscali.it

    gesmat

    30 Gennaio 2018 - 11:11

    Purtroppo anche la Lega, con due importanti ministri come Castelli e Calderoli è miseramente fallita sull'indispensabile ed improcrastrinabile riforma della giustizia. Ricordo benissimo Calderoli davanti ad un muro di scatoloni vuoti che, a suo dire , erano pieni di leggi inutili e dannose da lui abolite. Falso! Siamo ancora schiacciati da una selva selvaggia ed aspra e forte di leggi inutili e dannose nel cui ventre sguazzano giudici sfasciacarrozze più dannosi e distruttivi del vecchio Attila.

    Report

    Rispondi

Servizi