cerca

Un buco di sei giorni

Che cosa è successo in Cina dal 14 al 20 gennaio, quando già si sospettava la trasmissione del virus da uomo a uomo

Giulia Pompili

Email:

pompili@ilfoglio.it

16 Aprile 2020 alle 06:00

Un buco di sei giorni

Foto LaPresse

Roma. Per sei giorni, dal 14 al 20 gennaio, le autorità cinesi, pur riconoscendo di essere di fronte a una minaccia importante come quella di una “epidemia simile alla Sars” a Wuhan, non hanno preso contromisure adeguate. E solo il 20 gennaio il presidente Xi Jinping ha allertato la popolazione della minaccia ed è stata ufficializzata la notizia della trasmissione del virus da uomo a uomo. E’ il risultato di un’indagine dell’Associated press pubblicata ieri e basata su alcuni documenti...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giulia Pompili

Giulia Pompili

Giulia Pompili è nata il 4 luglio. E' giornalista del Foglio dove scrive soprattutto di Asia – nel 2012 ha vinto il premio giornalistico "Umberto Agnelli" della Fondazione Italia Giappone. Recita a memoria i test missilistici di Kim Jong-un, ma pure le canzoni degli Afterhours. E' terzo dan di kendo.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi