cerca

L’invisibile Hulk e i fischi a Johnson al suo incontro con gli europei

Il premier britannico si è presentato a Lussemburgo ancora senza proposte concrete. Il sospetto della tattica dilatoria di Londra

17 Settembre 2019 alle 06:16

L’invisbile Hulk e i fischi a Boris al suo incontro con gli europei

Jean-Claude Juncker e Boris Johnson (foto LaPresse)

Bruxelles. L’Incredibile Hulk si è trasformato nell’Uomo Invisibile ieri di fronte a uno sparuto gruppo di manifestanti che, a Lussemburgo, protestava contro Boris Johnson. Il primo ministro britannico ha deciso di annullare la conferenza stampa con il suo omologo lussemburghese, Xavier Bettel, dopo quella che doveva essere la giornata della svolta nei negoziati con l’Unione europea sulla Brexit. “L’Europa non perde mai la pazienza”, aveva detto il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, prima di incamminarsi con Johnson verso un ristorante del Gran Ducato per un pranzo di lavoro. Alla vigilia il premier britannico aveva evocato gli “enormi progressi” nelle discussioni tecniche con Bruxelles grazie alla sua strategia da supereroe. “Più Hulk si arrabbia, più Hulk diventa forte”, aveva detto Johnson: “Hulk è sempre riuscito a fuggire, non importa quanto fosse legato, e questo è il caso di questo paese”. Negli scorsi giorni, diverse fonti europee si erano aggrappate alle parole di Johnson e alle idee avanzate dal suo sherpa, David Frost. Ma per l’ennesima volta Johnson si è presentato a Lussemburgo senza alcuna proposta concreta: il presidente Juncker ha ricordato che “è responsabilità del Regno Unito presentare soluzioni legalmente funzionanti che siano compatibili con l'accordo di ritiro” ma “queste proposte non sono state ancora fatte”. Così, quando Xavier Bettel si è presentato da solo sul palco della conferenza stampa, con il podio di Johnson rimasto fisicamente e simbolicamente vuoto, il premier lussemburghese ha mostrato di aver perso la pazienza. “Abbiamo bisogno di più che di sole parole. Abbiamo bisogno di un testo legalmente funzionante il più presto possibile”.

 

 

Di fronte al caos politico a Londra, l’Ue ha tenuto una linea di prudenza, ma aperta e pragmatica sulla possibilità di portare a buon fine questi ennesimi negoziati. Le priorità politiche sono sempre le stesse: evitare di essere accusata di aver provocato il no deal, preservare il mercato interno e proteggere gli accordi di pace in Irlanda del nord evitando il ritorno della frontiera fisica con l’Irlanda con il backstop che Johnson vuole cancellare. “La sola soluzione che è attualmente sul tavolo è l’accordo di ritiro che abbiamo concordato lo scorso novembre” con Theresa May, ha spiegato ieri Bettel.

 

“Hulk” Johnson scappa dai fischi dei no Brexit in Lussemburgo

Il premier britannico ha annullato la conferenza stampa con il primo ministro lussemburghese Xavier Bettel si trasforma in una contestazione pubblica

 

In realtà, c’è un’altra soluzione possibile. E’ la prima versione del backstop concordata nel dicembre del 2017 sempre con la May (Johnson era ministro degli Esteri): solo l’Irlanda del nord dovrebbe restare nell’unione doganale e allineata alle normative Ue in una serie di settori. Il “backstop 1.0” fu rigettato dai brexiters e dal Dup nordirlandese, perché considerato un’inaccettabile spartizione del paese visto che avrebbe di fatto creato una frontiera nel mare d’Irlanda, interna al Regno Unito. Ma oggi Johnson non ha più la maggioranza e dunque non ha più bisogno degli unionisti nordirlandesi: Frost, ha evocato l’ipotesi che l’Irlanda del nord resti allineata all’Ue nel settore sanitario e fitosanitario (prodotti alimentari e animali). “Non per forza basta chiamarlo backstop, se questa correzione cosmetica lo rende accettabile. L’importante è la sostanza”, spiega una fonte europea.

 

Cosa può fare ora Boris Johnson?

A Londra il premier britannico scopre che il decisionismo non basta, ferma il Parlamento, rivaluta idee del governo precedente e non spinge più per il “no deal”

 

Ma, in mancanza di una proposta concreta scritta, nell’Ue aumenta il sospetto che quella di Johnson sia solo tattica dilatoria. Tanto più che Frost ha avanzato un’altra richiesta inaccettabile per l’Ue, che rischia di far precipitare tutto anche in caso di intesa sul backstop: cancellare l’impegno di Londra sulle relazioni future a non divergere sulla legislazione sociale e ambientale dell’Ue per concludere un ambizioso accordo di libero scambio.

David Carretta

Corrispondente a Bruxelles per Radio Radicale. Da nove anni copre le istituzioni europee e altri eventi internazionali e cura una rassegna della stampa internazionale. Dal 2004 collabora regolarmente con il Foglio, scrivendo di Europa, Nato, relazioni transatlantiche, politica francese e Belgio. E' stato militante radicale, assistente al Parlamento europeo e tesoriere di Non c'è Pace senza Giustizia. Dopo un decennio a contatto con le istituzioni europee, il suo euro-entusiasmo si è trasformato in euro-realismo: l'Europa è quello che è, ma se non ci fosse bisognerebbe inventarla. Così anche per i radicali.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi