cerca

Nulla contro Greta, a parte la sua figura idolatrica. Amo però Olga

La coetanea della Thunberg che senza penitenze legge la Costituzione ai poliziotti russi non è profetica ma autentica 

3 Agosto 2019 alle 06:00

Nulla contro Greta, a parte la sua figura idolatrica. Amo però Olga

Olga Misik, legge la costituzione e gli agenti la fermano. Il video dell’arresto

Non ho nulla contro Greta, a parte la sua figura idolatrica, la favola di una adolescente che legge i segni della terra e del mare e del cielo, abbandona la scuola e così salva il creato. Ma amo Olga Misik, sua coetanea che legge la Costituzione della Federazione russa ai poliziotti imbarazzati, da sola, dopo mille arresti, alcuni avvelenamenti, botte e incarcerazione dei dissidenti politici che osano protestare a Mosca contro l’esclusione di candidati indipendenti alle elezioni. Sentinella in piedi,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • filotea62

    05 Agosto 2019 - 11:11

    Mah, queste eroine desidero rivederle tra qualche anno a Dio piacendo. Greta si avvia a diventare la Valkiria del Pol.Cor. visto il suo sostegno pure al pride di Stoccolma.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    03 Agosto 2019 - 20:08

    Giulianone nostro è un romanticone a fronte della diafana trasparente Greta immagine del nulla trasformata in icone del ciufelo giustamente rende onore ad una per così dire eroina forse di altri tempi.luigi

    Report

    Rispondi

Servizi