cerca

Il travolgente successo di Conte in Libia

Il governo italiano diventa irrilevante in un paese decisivo per noi

27 Febbraio 2019 alle 06:04

Il travolgente successo di Conte in Libia

Foto LaPresse

Ricordate il successo travolgente della conferenza sulla Libia organizzata a Palermo il 13 e 14 novembre 2018 dal governo italiano? Con pugno di ferro e sapiente gioco diplomatico il nostro presidente del Consiglio Giuseppe Conte riuscì a ottenere che il signore della Cirenaica, Khalifa Haftar, arrivasse con sole otto ore di ritardo alla conferenza, non negoziasse un bel nulla e però facesse una foto ricordo assieme a Fayez al Serraj, leader di Tripoli (un tempo) appoggiato dalla comunità internazionale. L’immagine fu celebrata dal governo gialloverde – che si era tenuto prudentemente al largo, presagendo il flop – come uno storico momento di pace. Forse soltanto Abu Bakr al Baghdadi che consegna la scimitarra in ginocchio davanti a Papa Francesco avrebbe potuto scatenare un entusiasmo maggiore. E infatti Conte un mese dopo disse che il 2019 per la Libia sarebbe stato “l’anno della svolta”, che suona molto come l’equivalente in politica estera di “sarà un anno bellissimo”.

 

Sono passati soltanto quattro mesi da Palermo e le forze di Haftar nel frattempo hanno preso il controllo di due pozzi di petrolio giganteschi nel sud del paese, dove lavora anche l’italiana Eni. Non ci vuole lo stratega Von Clausewitz per capire che è la situazione sul terreno a determinare i rapporti di forza e che se Haftar prende il controllo del settore energia – unica risorsa del paese – allora a Serraj non resta nulla. E i libici non rimangono per molto attaccati a chi non ha nulla da offrire. E dire Haftar vuol dire ovviamente Francia, e chissà quanto si diverte il presidente Emmanuel Macron che vede Haftar a Parigi a marzo, mentre il governo italiano va a vedere Christophe Chalençon, il fabbro dei gilet gialli. A ciascuno il suo. A questo punto Haftar dice che non vuole più incontrare Serraj “perché non conta niente” e se l’Italia era sponsor di Serraj allora per proprietà transitiva viene da chiedersi: quanto contiamo ancora noi?

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Chichibio

    27 Febbraio 2019 - 18:06

    Sempre puri con l'ONU, sia i gialloverdi, sia il PD di prima. Finirà che l'ONU benedirà Haftar, la Francia si terrà il petrolio e l'Italia avrà conservato la sua purezza. Tanto ci sono le rinnovabili.

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    27 Febbraio 2019 - 11:11

    Quindi sarebbe (stato) giusto sostenere Haftar? Mi pare che il governo in questo caso si stia comportando in continuità con quelli precedenti. A favore di un governo riconosciuto dall'ONU e contro Russia e Francia, che si stanno ponendo contro la comunità internazionale, la quale peraltro non sta facendo niente per supportare Serraji. Giustamente si stigmatizza il governo per i balbettii sul Venezuela, in questo caso in cui siamo dalla parte giusta perché non si denuciano le poiltiche di frou-frou Macron e di Putin? Il primo dei quali, ricordiamocelo, è il capo della nazione principalmente responsabile del casino libico. Un'ultima cosa: ma il ministro Moavero, pomposamente entrato nel governo in quota europeista con lo scopo di controbilanciare il pericoloso Savona, che sta facendo? Ora che il suddetto non c'è più potrebbe anche trovare un po' di tempo da dedicare a questi dossier.

    Report

    Rispondi

Servizi