cerca

D come disinformazia

Ladislav Bittman, il maestro dell’intelligence e della propaganda sovietica, era fuggito nel 1968 ed era diventato un professore a Boston. Ci ha spiegato con quarant’anni di anticipo le tecniche che oggi vediamo su internet

22 Ottobre 2018 alle 14:44

D come disinformazia

Il soldato tedesco Conrad Schumann, durante la costruzione del muro, salta nella parte ovest di Berlino nel 1961 (Foto via Flickr)

A metà settembre è morto nell’atelier sulla costa dell’oceano Atlantico dove esponeva i suoi quadri Lawrence Martin Bittman, un professore di Boston che si occupava di disinformazione e intelligence. Il professore aveva ottantasei anni e viveva in America da cinquanta. Nella prima metà della sua vita, quella più breve e tumultuosa, era cresciuto con il nome di Ladislav Bittman in Cecoslovacchia, un piccolo stato europeo che ha cessato di esistere nel 1992. Da ragazzo Bittman aveva visto i nazisti prendersi...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Daniele Raineri

Daniele Raineri

Di Genova. Nella redazione del Foglio mi occupo soprattutto delle notizie dall'estero. Ora scrivo da New York. Sono stato inviato al Cairo per seguire il Medio Oriente da vicino. Ho lavorato in Afghanistan, Iraq, Pakistan e Siria. Ho studiato arabo in Yemen. Sono stato giornalista embedded con i soldati americani, con l'esercito iracheno, con i paracadutisti italiani e con i ribelli siriani durante la rivoluzione.

Segui la pagina Facebook

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi