Il calar di braghe sovranista con Russia, Egitto e Kim

Il mondo è una giungla, ci vorrebbe fermezza nei negoziati. Invece i sovranisti rinunciano per impostazione ideologica alla capacità di negoziare sul piano internazionale con alcuni regimi stranieri

15 Giugno 2018 alle 08:01

Il calar di braghe sovranista con Russia, Egitto e Kim

Murales di Tvboy a vicolo del Fico raffigurante Putin, Trump e Conte (foto LaPresse)

Un discorso dello storico americano Robert Kagan annuncia “il ritorno della giungla”, titolo di un saggio che uscirà dopo l’estate, e racconta un mondo dove l’America ha scelto di ritirarsi e dove molte entità pericolose, ormai lasciate senza controllo, tentano di peggiorare la situazione. Se il mondo è una giungla che ricresce e che ci assedia da ogni lato dopo il collasso dell’ordine liberale, come spiega Kagan e come direbbero senza dubbio anche molti sovranisti, ci vorrebbero un po’ più di...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi