cerca

Le prove di Macron inchiodano Assad: “Utilizzate armi chimiche in Siria”

Per il presidente francese la responsabilità dell'attacco chimico è del rais siriano. Intanto dal Regno unito l'inchiesta dell'Opcw conferma che a Salisbury è stato utilizzato un agente nervino di livello militare

12 Aprile 2018 alle 14:51

Le prove di Macron inchiodano Assad: “Utilizzate armi chimiche in Siria”

Il momento “abbiamo le prove” è durato un attimo. Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto, durante l'intervista-manifesto rilasciata a Tf1: “Abbiamo le prove che le armi chimiche sono state utilizzate in Siria” e quasi in contemporanea l’Organization for the Prohibition of Chemical Weapons (Opcw, che prese il premio Nobel per la pace nel 2013) ha pubblicato il riassunto del documento frutto dell'inchiesta sul gas usato a Salisbury, nel Regno Unito, richiesta dal governo di Londra (il documento intero è classificato): conferma l'utilizzo di un agente nervino di livello militare a “un alto grado di purezza”, cioè senza contaminanti.

 

I gas chimici sono quindi stati utilizzati, però quel che interessa è chi li ha utilizzati. Poco dopo la pubblicazione del documento inglese, l'emittente Russia Today, vicina al Cremlino, ha precisato: non si cita il “novichock” esplicitamente e non c'è alcuna accusa ufficiale alla Russia. Ma non era questo che era stato richiesto all'Opcw, che si occupa di proibire e monitorare le armi chimiche, e quindi doveva soltanto stabilire se, come sosteneva l'intelligence britannica, era stato utilizzato un agente nervino sul territorio inglese, anche se una serie di laboratori e tecnici e soprattutto uno scetticismo alimentato dalla propaganda russa e dal partito Labour avevano fatto credere il contrario. A tirare le conclusioni è stata la politica: il ministro degli Esteri inglese, Boris Johnson, ha definito “decisivo” l'esito dell'inchiesta. Impegnato in un incontro con il collega tedesco Heiko Mass e il consiglio dei ministri convocato sulla Siria, Johnson ha dichiarato: “Non ci sono dubbi sull'utilizzo del gas e non restano molte alternative sui responsabili: soltanto la Russia ha gli strumenti, le motivazioni e il passato”.

 

Macron è stato più diretto: la responsabilità dell'attacco chimico è del rais siriano, Bashar el Assad. Per questo l'intervento in Siria ci sarà, ha detto il presidente francese, in rispetto del diritto internazionale e in difesa dei diritti umani. Guardando avanti, Macron ha detto che il momento dell'attacco sarà scelto per essere “efficace” e che bisogna pensare “alla Siria del futuro”.

 

Si aspetta la reazione della Russia, che nega entrambe le responsabilità, ma intanto ha chiesto all'Opcw di entrare in Siria per verificare quel che è accaduto a Douma. La settimana scorsa l'organizzazione aveva rifiutato la richiesta dei russi di partecipare all'inchiesta sull'incidente di Salisbury.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    13 Aprile 2018 - 17:05

    Macron sempre più micron. Si dimostri la seguente psico-equazione dichiarando se è vera oppure falsa. Macron + n x grandeur = DeGaulle - 25 cm.

    Report

    Rispondi

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    12 Aprile 2018 - 21:09

    Calma, una cosa per volta. Prima di far fuori Assad in Siria - che purtroppo o per fortuna in questo momento ha diversi e temibili padrini - 'sti Francisoni sempre così smaniosi di sparare devono ancora spiegare, al mondo ed esattamente, PERCHE' hanno fatto fuori Gheddafi il Libia.

    Report

    Rispondi

  • adebenedetti

    12 Aprile 2018 - 20:08

    Macron: ma come e` bravo!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • Paolo52

    Paolo52

    12 Aprile 2018 - 18:06

    Quello che stupisce è la sicurezza a priori che dimostrano i politici europei nell'accusare Siria e Russia, questo molto prima di un riscontro ufficiale che comunque ancora non c'è stato. Mi ricorda l'ottusa volontà mostrata per giustificare l'attacco a Saddam che le mai trovate armi di distruzione di massa. Evidentemente c'è sempre tempo, a disatri fatti, per chiedere poi scusa. Ma i bambini morti sotto le bombe USA? Quelli sono definiti danni collaterali e non fanno lo stesso effetto sui tabloid.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi