cerca

Il Wolff travestito da agnello

Il giornalista-scrittore che ha inguaiato Trump si sente un po’ Balzac e fa gioco sulla vanità

6 Gennaio 2018 alle 06:00

Il Wolff travestito da agnello

Victoria Floethe e Michael Wolff (foto di Grace Villamil via Flickr/Financial Times)

E davvero non si capisce come mai, visto che i due hanno una consuetudine quotidiana, come si evince dal libro in uscita, Trump non abbia chiesto al fraterno amico qualche referenza. Forse non l’ha fatto semplicemente perché è un “fucking idiot”, secondo la lusinghiera definizione che del presidente, nel libro, dà proprio l’amico Murdoch. Il giudizio del tycoon fa parte di un gustoso aneddoto secondo cui Trump riceve alla sua torre appena eletto la delegazione di grandi imprenditori della Silicon Valley, e poi corre a telefonare a Murdoch dicendo soddisfatto: questi son venuti a chiedere il mio aiuto, bisognerà aiutarli, Obama non li capiva, e Murdoch replica come a un bambino demente che insomma la Silicon Valley non ha certo bisogno del suo aiuto perché teneva Obama per le palle. E poi, appunto, “fucking idiot” (dopo aver riattaccato).

    
Però anche Murdoch non ne viene fuori benissimo, a essersi fidato di Wolff. Adesso le sue telefonate e i suoi giudizi sul presidente finiscono tutti nel libro: lui con il commander in chief ha sempre avuto un ottimo rapporto, e la sua Fox News si è sempre distinta per l’amabilità, per buona parte della campagna elettorale e soprattutto dopo. Adesso qualcosa cambierà, si presume. Ci si chiede perché se non Trump, almeno Murdoch, che pare persona più scaltra, si sia fatto infinocchiare. Dopo che uscì la sua biografia, i parenti di Murdoch gli chiesero perché si fosse fidato. Forse era rimasto affascinato dall’aspetto roccioso, calvizie e occhiali aggressivi, di Wolff, noto per i giudizi taglienti e il suo muoversi perfettamente a suo agio tra politica, tecnologia e media. O forse perché in tutti – nell’astuto Murdoch e nell’idiota Trump – prevale la vanità d’essere comunque scrutati. Magari fatti a pezzi, ma immortalati.

        
Da parte sua, Wolff si è sempre sentito un po’ un Balzac delle classi tecnologiche americane. Gusto per le storie di personaggi ricchi e potenti, e talento imprenditoriale, si è dedicato negli anni al rapimento di Patricia Hearst e ai magnati di internet: ha cominciato negli anni Settanta come galoppino al New York Times, e poi ha scritto romanzi e guide per la rete, e fondato con la prima epoca delle startup Wolff Media. Poi sulla sua stessa vicenda ha scritto un bestseller (Burn Rate) spiegando la prima rivoluzione delle dot-com e mettendo in mezzo amici e colleghi, anche lì tutti imbufaliti. I suoi idoli sono Saul Bellow, Norman Mailer, Joseph Heller, Mark Twain. Scrive per Usa Today, Newsweek, Vanity Fair, il New York Magazine e l’Hollywood Reporter. Nel 2007 ha fondato il giornale online Newser. Ha un umorismo molto asciutto. Una volta lo si intervistò, e gli si chiese: cosa c’è nel futuro di Murdoch? “La morte”, fu la risposta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • adebenedetti

    07 Gennaio 2018 - 16:04

    Penso che questo ennesimo attacco a Trump sia un bene per Trump. Avviene nel momento in cui il Down jones supera i 25 mila punti, in dicembre sono stati creati 250mila nuovi posti di lavoro. La disoccupazione tra gli afroamericani non e`al minimo storico, uffficialmente di sono riapret le indagini sulle E Mail di Hillary, sulla Fondazione Clinron, sulla vedita dell`Uranio alla Russia, e sul fatto che quando la Clinton era Segretario di Stato si era obbligato gli investigatori a guardare dall`altra parte riguardo il connubbio tra Hezbollah e i traficanti di oppio e droga che dal centro america l`importavano negli Stati Uniti. Non si voleva irritate l`IRAN con il quale stava conducento la trattativa che si concluse con lo sciagurato accordo sul nucleare. Di queste cose i media non parlano e il Foglio che e` in prima fila nel NEVER-TRUMP si comporta di conseguenza. Ieri ho rinnovato l`abbonamento e leggere le vostre notizie dagli USA.ove vivo, e` un po` come essere Mitridate.

    Report

    Rispondi

Servizi